Sabato, 24 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Niente biglietto integrato, l'attacco della Uiltrasporti
MESSINA

Niente biglietto integrato, l'attacco della Uiltrasporti

di
biglietto integrato, messina, sicilia, uiltrasporti, Messina, Archivio
ars

L'Ars ha detto no. E secondo la Uiltrasporti, è un'altra occasione persa. La bocciatura dell'articolo 6 della finanziaria regionale chiude di fatto le porte al rilancio dei progetti di integrazione dei servizi di trasporto sull'isola. Il progetto prevedeva un contributo da 500mila euro per i prossimi due anni, mirato a favorire la nascita e lo sviluppo dei biglietti integrati bus-treni nelle città metroopolitane.

Messina ne avrebbe potuto trarre grande giovamento, soprattutto per i residenti della zona sud, che con un unico tagliando avrebbero utilizzato metroferrovia e poi mezzi dell'atm. Solo in città, sarebbe stato necessario un finanziamento di circa 200mila euro l'anno, scrive Michele Barresi, segretario Uiltrasporti Sicilia – mentre invece si è persa anche questa occasione. E il pericolo concreto è che a pagare il prezzo più alto sia proprio la Metroferrovia di Messina, un servizio che stenta a decollare.

Barresi spiega anche che la cifra che il governo regionale aveva ipotizzato di mettere a disposizione sarebbe stata ben maggiore anche rispetto ai 500mila euro di cui si parlava nell'articolo bocciato in aula.Secondo il sindacalista, senza risorse adeguate a sostegno del biglietto unico Metroferrovia – Atm gli oltre 110mila messinesi della zona sud continueranno a preferire il mezzo privato al servizio pubblico. Questa, per la Uiltrasporti, è la cartina di tornasole dell'incisività della politica regionale e – scrive ancora Barresi – ci riporta alla realtà rispetto ai proclami e ai progetti futuristici che le campagne elettorali ci consegnano giornalmente.

Il discorso si potrebbe anche allargare alla questione del biglietto integrato dell'area dello Stretto, progetto già avviato dalle città di Messina e Reggio. Oggi, un messinese residente nella periferia sud che frequenta l'Università di Reggio spende circa 12 euro al giorno per andare a seguire le lezioni. Oltre al fastidio di dover fare tre biglietti diversi. Coinvolgere le ferrovie e il vettore che gestice i collegamenti nello stretto potrebbe dimezzare i costi. Ma considerato come sono andate, sin qui, le cose in aula, sembra molto complicato. “L'unica possibilità resto l'uso dei fondi Pon Metro – scrive ancora Barresi – in buona parte però già destinati ad altri importanti progetti di mobilità cittadina”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook