Giovedì, 20 Settembre 2018
PALLANUOTO

Waterpolo Messina mai in partita, la coppa Italia va al Padova

waterpolo despar messina, Messina, Archivio
Waterpolo Messina mai in partita, la coppa Italia va al Padova

Padova- Wp Despar Messina 14-5 (4-0, 4-2, 4-0, 2-3)

Padova: Teani, Barzon 3, Ilaria Savioli 1, Gottardo, Martina Savioli, Queirolo 2, Alessia Millo 3, Dario 1, Galardi 2, Robinson 2, Nencha, Casson, Franceschino. Coach. Posterivo.

Wp Despar Messina: Ventriglia, Begin, Gitto 1, Chiappini 3, Morvillo, Radicchi, Kuzina 1, Marchetti, Rosaria Aiello, Arruzzoli, Laganà. Coach. Mirarchi.

Arbitri: Ferrari e Taccini. Note: in tribuna il commissario tecnico del Setterosa Fabio Conti.

Ostia. Padova si conferma tabù per la Despar Messina (terza sconfitta in altrettante finali). Le venete superano 14-5 la squadra di Mirarchi e si portano a casa, meritatamente, la Coppa Italia così come avevano fatto nella città dello Stretto due anni fa. Partita mai in bilico, con la formazione di Posterivo in controllo e autostima sin dalle battute iniziali. Le peloritane pagano a caro prezzo i troppi errori in superiorità e le rotazioni limitate a disposizione del tecnico.

Nella prima frazione Padova è devastante, segna quattro gol con Galardi (doppietta), Ilaria Savioli e Barzon e lascia le briciole alla Waterpolo Despar Messina. La sostanza non cambia neanche nella seconda frazione anche se le peloritane vanno, finalmente, a segno con Chiappini e Gitto. Padova nel tempo della verità pigia ancora sull’acceleratore andando in gol con Millo e Queirolo che realizzano una doppietta a testa. A giochi fatti, la Waterpolo Despar Messina rialza la testa e si toglie la soddisfazione di vincere l’ultimo tempo con i i due gol di Chiappini, ben marcata per tutta la partita, e Kuzina.

Amareggiato a fine gara il tecnico Maurizio Mirarchi: «Purtroppo abbiamo cominciato male, era quello che volevamo evitare per fare un altro tipo di partita. E alla fine inseguire il punteggio si paga in termini salati. Alle ragazze non ho nulla da rimproverare, hanno lottato e dato quello che potevano. È la terza finale che raggiungiamo sotto la mia gestione, comunque un traguardo di cui andare orgogliosi».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook