Martedì, 22 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Piano riequilibrio
ancora in stand by

piano di riequilibrio, Messina, Archivio
consiglio comunale messina

Ancora una giornata di vana attesa. Ma per quanto tempo la città potrà ancora aspettare prima di sapere se è fallita o se è invece ha solo ipotecato il proprio futuro con un mutuo a tanti zeri per i prossimi dieci anni.

Il ministero aspetta il piano di riequilibrio da venti giorni. Nell'ultimo consiglio comunale è arrivata la pregiudiziale del gruppo dei democratici riformisti secondo cui il piano non può essere votato prima che siano approvati i contratti i servizio di Amam e Atm, partecipate di rilievo assoluto negli equilibri finanziari di Palazzo Zanca.

Oggi la commissione consiliare che doveva analizzare i preziosi contratti di servizio, non li ha nemmeno avuti in maniera informale e non gli è rimasto altro parlare di debiti fuori bilancio.

La prossima seduta del consiglio è fissata per giovedì e tecnicamente appare improbabile che si possano verificare due malloppi di decine e decine di pagine di un documento che sarà verbo nella gestione di due servizi come i trasporti e acqua.

Intanto sono arrivate le prime transazioni fra i creditori oltre i 50 mila  euro ed il Comune, anche quelle indispensabili per il nulla osta ministeriale e della corte dei conti.

Domenico Bertè

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X