Martedì, 22 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Tratta clandestini
chieste condanne
per 200 anni

operazione rais, Messina, Archivio
tribunale messina

Nove condanne per 183 anni di carcere sono state richieste stamani nel processo dell’operazione Rais che vede imputati  gli organizzatori dei viaggi della speranza dal Nord Africa alla Sicilia, scafisti e fiancheggiatori.  Le ipotesi di reato contestate sono  associazione a delinquere e sequestro di persona a scopo di estorsione.

Il PM Giuseppe Verzera ha chiesto alla Corte d’Assise  la condanna a 30 anni di reclusione per il capo dell’organizzazione, l’egiziano multimiliardario Abu Yussef tuttora latitante nel suo Paese. Stessa richiesta per il fratello Abdel Mohamed e per  Zakaria El Sayed Attia i più stretti collaboratori del boss.   Il rappresentante dell’accusa ha chiesto anche una condanna a 25 anni di carcere e due a 17.  L’udienza è stata poi sospesa. Si riprenderà il 10 dicembre con le repliche dei difensori.   Gli arresti dell’operazione Rais scattarono il 16 maggio 2011. L’organizzazione era quasi del tutto sconosciuta. Contrariamente a quelle tunisine e libiche quella egiziana per dieci anni era riuscita ad agire nell’ombra scaricando sulle coste italiane migliaia di clandestini africani ed asiatici.  Eppure bastarono pochi mesi di indagini alla Squadra Mobile di Messina per smantellare l’organizzazione. Dieci persone furono arrestate per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e sequestro di persona a scopo di estorsione. Tre gli sbarchi intercettati dalla Polizia nel giro di pochi mesi che consentirono di arrestare 33 persone e di rimpatriare 277 migranti. L’operazione era scattata dopo che nel luglio 2010  la Polizia Stradale intercettò sull’autostrada Messina-Catania un autocarro  con 81 immigrati sbarcati la notte precedente sulla spiaggia di San Leone ad Agrigento.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X