Mercoledì, 19 Dicembre 2018
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Piano regolatore
a cubatura zero

L’ultimo fu varato nel 98 ma firmato dalla regione solo nel 2002. Il Piano Regolatore generale vigente a Messina non è più cambiato  da allora.

Il prossimo ha mosso i primi passi oggi e la sua definizione, in base al cronoprogramma presentato oggi,  è prevista per il novembre del 2015 quando l’amministrazione lo presenterà al consiglio comunale per l’approvazione.

Nel frattempo dovrebbe diventare realtà la trasformazione dell’area siciliana sullo Stretto in città metropolitana e ad quel punto non sarà più necessaria l’approvazione della Regione.

Oggi è nato Pico il Piano regolatore condiviso. L’amministrazione, gli uffici di Palazzo Zanca vogliono condividere il senso ed i contenuti di questo strumento che ridisegnerà la città secondo rinnovate esigenze.

Il Prg deciderà da qui ai prossimi due anni dove sarà possibile realizzare nuovi spazi urbani, strade, piazze, parchi e volendo nuove costruzioni.

E è proprio sulla cubatura ceh si gioca la grande partita della amministrazione Accorinti. Il progetto è quello di non aumentare la cementificazione ma di certo di razionalizzare le nuove costruzioni, senza preoccuparsi – ha detto De Cola – delle misure, i metri cubi, ma piuttosto dei valori.  Lo si potrà fare solo passando da un’analisi dell’esistente – sono migliaia le abitazioni non utilizzate in città – attraverso la comprensione delle potenzialità del territorio e incamerando le aspettative dei cittadini.

Il Pico- il piano regolatore condiviso – infatti prevede la partecipazione dei messinesi al stesura del documento urbanistico. Le proposte dovranno giungere entro il 9 febbraio e potranno essere consegnate brevi manu alla propria circoscrizione o attraverso la posta elettronica all’indirizzo pico@comune.messina.it.

Entro aprile invece sarà attivata la variante di salvaguardia che vincolerà tutte quelle aree che, in base ad un piano geologico già esistente e ad uno studio più recente dell’Enea possono essere definite a rischio idrogeologico   

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X