Mercoledì, 21 Novembre 2018
MESSINA

Oneri riflessi,
undici indagati

L’inchiesta sui cosiddetti oneri riflessi percepiti dai consiglieri comunali vecchi e nuovi si allarga. Dopo il caso eclatante dell’ex capogruppo del Pdl Pippo Capurro, il primo della serie già parzialmente definito in udienza preliminare con il rinvio a giudizio, e con l’inizio del processo fissato il 16 giugno 2014 davanti al giudice monocratico, c’è stata parecchia attività da parte della Procura e della polizia giudiziaria, che in questi mesi s’è recata più volte a Palazzo Zanca per prelevare le carte dei denari “girati” ai consiglieri. E l’attività è andata avanti fino a ieri mattina, quando gli investigatori hanno acquisito in copia gli atti di tutto quello che ha percepito durante il suo mandato politico l’ex consigliere del Pdl, ex An, Salvatore Ticonosco. Ma non è il solo, Ticonosco, ad essere soggetto ad accertamenti in questi mesi da parte della Procura. Nell’ultima tranche d’indagine in ordine di tempo sviluppata dalla polizia giudiziaria ci sono anche i nomi di Elio Sauta, che per altro verso nei mesi scorsi è finito nei guai nell’ambito dell’inchiesta “Corsi d’oro” sulla formazione professionale, e poi quelli di Gaetano Caliò, Carmelo Conti e Marcello Greco.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X