Martedì, 18 Dicembre 2018
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Mancano i segnali,
Atm non incassa dai parcheggi

stalli blu messina, Messina, Archivio

I lotti ricadono tutti nelle vie più centrali della città, quelle dove durante la giornata è facile prevedere la presenza di auto negli stalli blu a pagamento. Nella maggior parte dei casi la sosta orari costa un euro, mentre per una minima parte la tariffa è dimezzata. Ma da qualche tempo chi ha la possibilità di trovare un posti liberi riesce a non pagare nulla. Praticamente, mancando la segnaletica verticale, quella che all’inizio di ogni lotto indica la Ztl con gli orari e i costi stabiliti dall’amministrazione comunale per sostare, i mezzi parcheggiati non hanno l’obbligo di esporre il gratta e sosta. Le sole strisce blu sull’asfalto, non sono sufficienti affinché i controllori dell’Atm verbalizzino i trasgressori. Una situazione che non è sfuggita all’attento consigliere di palazzo Zanca Libero Gioveni, il quale ha realizzato un dettagliato report stilando la lunga lista di lotti dove la segnaletica è inesistente. 361 in totale, il numero degli stalli che, fatti i calcoli, considerando 8 ore di parcheggio al giorno,  frutterebbero alle casse dell’Atm e quindi del comune 60 mila euro al mese. 720 mila euro l'anno.  Gioveni in una nota parla di autolesionismo da parte dei due enti ipotizzando anche una sorta di danno erariale. E dire che ci sono zone come la parte bassa del viale annunziata dove da oltre due anni si insiste a fare pagare ai residenti dei parcheggi che spesso restano inesorabilmente vuoti, mentre in pieno centro non si prendono provvedimenti per ripristinare la segnaletica che permetterebbe di fare cassa. Ecco perché Gioveni chiederà alla  Commissione Viabilità e Trasporti che si riunirà lunedì prossimo ed alla quale sono stati invitati il comandante della polizia municipale e l’assessore alla mobilità,  di avviare subito un' indagine amministrativa interna per accertare eventuali responsabilità da sottoporre eventualmente anche all'attenzione della Corte dei Conti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X