Lunedì, 12 Novembre 2018
GIRO D'ITALIA

Enzo Nibali in rosa

Vincenzo Nibali in maglia rosa. Il corridore dell'Astana è giunto 4/o nella cronometro da Gabicce a mare a Saltara (Pesaro-Urbino) e ha preso la testa della classifica generale. La tappa di oggi è stata vinta dall'inglese Alex Dowsett (Movistar) con il tempo di 1h16'27", Nibali ha segnato 1h16'48".

La cronometro partita da Gabicce e conclusa a Saltara doveva rilanciare le ambizioni di Bradley Wiggins, ieri paralizzato dalla paura dopo l'ennesima caduta, e invece ha consacrato Vincenzo Nibali. Il messinese, grazie al quarto posto conquistato al termine di una lunghissima prova contro il tempo (54,8 km), ha indossato per la seconda volta in carriera la maglia rosa, dopo quella del 2010, limitando i danni a soli 11" di ritardo dall'inglese e piazzandosi al 4/o posto in questa 8/a tappa vinta dall'inglese Alex Dowsett del quale, a partire da domani, in pochi si ricorderanno. La sua bella impresa, infatti, è stata oscurata dai lampi di Vincenzo Nibali che doveva difendersi e invece ha attaccato fin dall'inizio: la fantasia, la determinazione e la fortuna lo hanno sostenuto, permettendogli di gettare il cuore oltre l'ostacolo, di andare forte. Non è stato fortunato Bradley Wiggins che, dopo 18' di corsa, è stato costretto a fermarsi per una foratura della ruota anteriore, confermando i propri problemi con le bici in questo Giro. L'inglese, che non è certo un mostro di 'sense of humour', ha gettato via la bicicletta con furore, un gesto isterico che la dice lunga sul suo stato d'animo, quindi ha recuperato la borraccia e si è rimesso in sella, ripartendo a tutta. Nell'ultima parte del tracciato 'Wiggo' ha recuperato 49" al vincitore, Nibali aveva invece subito messo le cose in chiaro, facendo registrare un 36'12" di assoluto valore e risultando di un minuto più veloce del 'baronetto' della Sky. Lo 'Squalo dello Stretto' deve aver capito a quel punto che l'impresa non era poi tanto impossibile e, chissà forse deve anche essersi sentito già con mezza maglia rosa addosso. L'unico a tenere testa a Nibali è stato l'australiano Cadel Evans, iridato nel 2009 a Mendrisio e vincitore del Tour 2011, che continua a rimanere ai vertici della graduatoria generale (adesso è secondo, a una manciata di secondi dal corridore siciliano dell'Astana), mentre è crollato il canadese Ryder Hesjedal che, però, è l'unico ad avere dimostrato voglia di attaccare. La tappa di oggi ha rivelato che Nibali adesso sarà l'avversario da battere, perché era nella cronometro odierna che Wiggins avrebbe dovuto scavare un solco fra sé e gli altri concorrenti. Invece, l'inglese, non solo non è risultato il più veloce a Saltara, ma a un certo punto ha dovuto fare ricorso a tutta la propria classe nelle prove contro il tempo (non a caso è stato oro a Londra, nell'estate scorsa, ai Giochi), per limitare i danni. Domani, da Sansepolcro a Firenze, nella tappa dedicata a Bartali, ripartirà un Giro d'Italia diverso, più incerto e con un solo uomo da battere: Vincenzo Nibali. Sarà difficile staccarlo in salita e ancora più problematico metterselo alle spalle in discesa, terreno sul quale il messinese è considerato il migliore specialista in circolazione. La tappa di domani darà altre indicazioni, poi il giorno di riposo permetterà a tutti - big e non - di resettare ambizioni e strategie, di riordinare le idee per poi riprendere il cammino verso Brescia che, come ha ricordato giustamente oggi Nibali (con la maglia rosa addosso), è ancora molto lungo. Lui, però, lo proseguirà guardando tutti dal tetto del Giro d'Italia e non é un vantaggio da poco.

"Ho disputato una bellissima cronometro, che sembrava disegnata per me, con tante curve e diversi saliscendi: ho tenuto l'andatura con tutte le mie forze, in vista della salita finale e alla fine ce l'ho fatta". Sono state le prime parole, dopo il traguardo della neomaglia rosa Vincenzo Nibali, che si è piazzato 4/o nella cronometro di oggi, ma è diventato leader della classifica generale. "Questa crono era molto importante - ha aggiunto -, ringrazio il mio team, mi sono concentrato per tutto l'inverno, oggi ero tranquillo: sono stato guidato bene in ogni curva. Calma, la strada per Brescia è ancora lunga". Bradley Wiggins, che comunque è stato protagonista di un'ottima cronometro, piazzandosi al 2/o posto, dopo 18' di gara, ha forato la ruota anteriore e ha dovuto cambiare bici, perdendo una decina di secondi. (ANSA).

Nella nuova classifica generale, Vincenzo Nibali ha 28" di vantaggio sull'australiano Cadel Evans, 1'16" sull'olandese Robert Gesink e sull'inglese Bradley Wiggins, 1'24" su Michele Scarponi. Il canadese Ryder Hesjedal è 6/o, con un ritardo di 2'06" dalla nuova maglia rosa

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X