Lunedì, 10 Dicembre 2018
OP. VIAGGI SICURI

Spaccio di eroina
4 arresti tra
Messina e Bologna

Gestivano un traffico di eroina fra Bologna e Messina. Chili di sostanza stupefacente partivano dal capoluogo emiliano e raggiungevano lo Stretto quasi sempre in macchina a volte in treno, mezzo ritenuto più sicuro. Dopo un anno e mezzo di indagini la Squadra Mobile ha arrestato i messinesi Fabio Festa, 33 anni, Tommaso Centorrino, 51 anni e Camillo Guglielmo, 46 anni ed il bolognese Hamed Sallem, 30 anni. Due le persone, entrambe messinesi, tuttora irreperibili. Era proprio uno dei due ricercati a tenere i contatti con Sallem. Utilizzando un nome di fantasia, si faceva chiamare Luigi Irrera, grazie ad una falsa carta d’identità prenotava posti in treno ed in albergo per recarsi a Bologna ed acquistare la droga. A compiere i viaggi, secondo quanto emerso dalle indagini, era anche Centorrino che una volta al mese raggiungeva il capoluogo emiliano per rifornirsi di eroina da Sallem. Guglielmo invece preferiva il treno per i suoi spostamenti perché lo riteneva più sicuro. Nel corso delle indagini, il 28 maggio del 2011, gli agenti della Mobile fermarono Centorrimo appena sbarcato da una Caronte. Sull’auto presa a noleggio gli sequestrarono due chili e mezzo di eroina e 11mila euro in contanti.
Stamani, nel corso delle perquisizioni domiciliari effettuate nelle abitazioni degli indagati, gli agenti hanno sequestrato 68 grammi di marijuana ed un bilancino di precisione a casa del trentenne Paolo Trimarchi arrestato per detenzione a fini di spaccio.
I provvedimenti sono stati firmati dal gip Monica Marino su richiesta del sostituto della DDA Fabio d’anna e della collega della procura ordinaria Liliana Todaro.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X