Martedì, 25 Settembre 2018
S. FRANCESCO

Ecco il progetto
di riconversione
della Rada

di
progetto rada s. francesco, Messina, Archivio
rada s. francesco progetto

L’attualità e il futuro prossimo. La necessità di assicurare il servizio di traghettamento, in attesa del completamento del sistema portuale di Tremestieri, e l’obbligo di guardare avanti, di dare attuazione a ciò che è previsto dal Piano regolatore del porto. Riflettori accesi sulla Rada di San Francesco, croce e delizia della nostra città. Ieri si è svolta la riunione del “tavolo tecnico” convocato dall’Autorità portuale per affrontare il nodo del rinnovo della concessione delle aree demaniali di viale della Libertà. Tutti concordi – Authority, Genio civile opere marittime, Capitaneria di porto, Provincia regionale (inopinatamente assente il Comune) –nel ritenere che la Rada vada riconvertita nel momento in cui il porto di Tremestieri sarà in grado di assorbire l’intero traffico gommato di attraversamento dello Stretto. Ma quando si realizzerà tale ipotesi? È questa la vera nota dolente: se non si accelera sul fronte sud, se non si avviano finalmente i lavori già appaltati (ma bloccati ancora una volta a causa di un ricorso), se non ci si rende conto che la costruzione del nuovo porto con annessa la piattaforma logistica è la grande priorità, si continuerà a dibattere invano sui Tir che solcano le strade del centro, sulla sicurezza sempre più a rischio, su una qualità della vita ridotta ai minimi livelli. Durante il confronto di ieri il comandante della polizia municipale Calogero Ferlisi ha sottolineato la drammaticità della situazione, peggiorata negli ultimi mesi a causa di un indiscriminato aumento del numero di mezzi pesanti dirottati verso gli imbarcaderi privati di viale della Libertà, oltre che del venir meno dei poteri speciali in materia di traffico e dell’esiguità dell’organico dei vigili urbani. E l’assessore provinciale Michele Bisignano ha evidenziato come qualsiasi nuova concessione debba necessariamente essere proiettata in un arco temporale ridotto, «se non si vuole dare l’impressione di non credere realmente alla possibilità di realizzare gli approdi di Tremestieri entro i prossimi tre anni». Ogni decisione è stata, comunque, rinviata alla prossima settimana. Si attende prima l’esito del confronto, previsto per lunedì a Roma, tra il presidente dell’Autorità portuale Antonino De Simone e il presidente dell’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato, il professore Giovanni Pitruzzella. L’Antitrust, secondo i suoi fini istituzionali, «garantisce il rispetto delle regole che vietano le intese anticoncorrenziali tra imprese, gli abusi di posizione dominante e le concentrazioni in grado di creare o rafforzare posizioni dominanti dannose per la concorrenza». Ma, intanto, ci si proietta verso il futuro. Sarà presentato nei prossimi giorni il progetto esecutivo di riconversione della Rada in nuovo sistema turistico-portuale, redatto dal gruppo di professionisti che si è aggiudicato il concorso bandito dall’Autorità portuale (l’iter, avviato ai tempi della presidenza Garofalo, è stato completato sotto la gestione del prof. Dario Lo Bosco). L’équipe incaricata dello studio di fattibilità, basato sulle indicazioni contenute nel Piano regolatore portuale, è guidata dall’architetto Pasquale La Spina e composta dagli ingegneri Antonino Pio D’Arrigo, Giovanni Miceli, Agostino La Rosa, oltre che dall’architetto Sergio La Spina e dagli ingegneri Antonino Spatafora, Nicola Rustica, Giovanni Berbiglia, Domenico Mangano, dal geologo Giuseppe Ruggeri e dagli esperti Giuseppe Maiori (economista) e Antonio Minissale (consulente nautico). La riconversione della Rada è programmata in tre fasi. L’importo complessivo degli investimenti (da realizzare in project financing) è di circa 80 milioni di euro. Si prevede un porto turistico con oltre 400 posti barca, un parcheggio sotterraneo con 800 posti auto, un lungomare esteso su una superficie pari a diecimila metri quadri, il riordino complessivo del litorale tra la cittadella fieristica e la foce del torrente Annunziata. Sarebbe il primo passo verso l’attuazione del Prg del porto (in pieno raccordo con quanto previsto anche dallo strumento urbanistico della città) e un segnale concreto di valorizzazione dell’affaccio a mare in chiave turistica.  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X