Giovedì, 02 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Barcellona, caso Chiofalo a una svolta: notificati i primi avvisi a comparire

Barcellona, caso Chiofalo a una svolta: notificati i primi avvisi a comparire

Prima giornata di sopralluoghi per Procura e Compagnia Carabinieri

A una svolta le indagini su Salvatore Chiofalo, il giovane di Barcellona scomparso nel 2016, all’età di 32 anni. Nelle ultime ore, i Carabinieri, su ordine della Procura di Barcellona Pozzo di Gotto, stanno notificando, a carico di alcune persone, i primi avvisi a comparire innanzi ai Pubblici Ministeri, per essere interrogati in merito ai fatti per quali si sta procedendo. Per tutta la giornata di ieri, invece, sono stati condotti meticolosi sopralluoghi da parte del Procuratore della Procura di Barcellona P.G. Giuseppe Adornato e i Sostituti Procuratori Emanuela Scali e Luca Gorgone, insieme ai Carabinieri della locale Compagnia. Gli accertamenti svolti sul posto, grazie anche al dispiegamento dello Squadrone Eliportato Cacciatori Sicilia, composto da due squadre operative, sono stati utili per fare maggiore chiarezza sulle ultime ore del Chiofalo. In particolare, sono state ripercorse e battute le strade montuose delle frazioni di Gala, Migliardo e Fondacarso, che, secondo la ricostruzione degli inquirenti, possono essere state utilizzate dai principali indiziati per raggiungere e poi lasciare il luogo dove è stato commesso il delitto. Nel corso della giornata, i Carabinieri “Cacciatori” hanno svolto anche attività di rastrellamento e ispezioni in casolari delle citate frazioni, mappando con esattezza tutta l’area ove si stanno concentrando le indagini, anche con speciali strumentazioni. Come già detto in precedenza, in questi giorni si sta anche procedendo a sottoporre a nuove attività di analisi, mediante sistemi informatici di nuova generazione, tutti i file delle telecamere di videosorveglianza presenti nelle immediate vicinanze dei luoghi interessati dalla sparizione, acquisiti all’epoca del fatto ma anche di quelli nelle vicinanze dei luoghi abitualmente frequentati dai principali indiziati al fine di verificare gli alibi da essi forniti.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook