Martedì, 04 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Società

Home Foto Società Creatività e innovazione, ecco come è nato “FabLab Messina” FOTO

Creatività e innovazione, ecco come è nato “FabLab Messina” FOTO

di

Un FabLab è un luogo che unisce creatività e innovazione, attorno al quale gravitano maker, designer, artisti e appassionati di artigianato digitale di tutte le età. Una realtà bellissima e stimolante, che ha avuto origine in America e che è presente anche nella nostra città. “FabLab Messina è un’associazione culturale senza scopo di lucro – spiegano Umberto D’Andrea e Roberto De Luca rispettivamente presidente e tesoriere – che si autofinanzia con i contributi degli iscritti e che è stata fondata circa 6 anni fa, dall’allora presidente Gianfranco Pulitano”. Ogni associato, tesserandosi, ha la possibilità di accedere a spazi e strumentazioni, che sono presenti all’interno della fabbrica digitale. “In particolare – proseguono i due ragazzi – disponiamo di un laboratorio di elettronica, di un’officina meccanica, di una stampante 3D, di un macchinario taglio laser e di un laboratorio di lavorazione del legno. Inoltre, periodicamente organizziamo dei workshop, che hanno lo scopo di permettere anche ai nuovi iscritti, di imparare ad utilizzare programmi e attrezzature”. Nel FabLab artisti e professionisti si cimentano a creare i prodotti  più disparati, in base alle proprie esigenze. “Il target dei nostri tesserati – racconta il tesoriere – è molto vario. C’è chi viene per realizzare dei semplici oggetti personali o chi deve ottenere dei componenti per progetti lavorativi o universitari. Qui si intrecciano competenze e bisogni, dando vita anche ai dei veri e propri network professionali”. Uno spazio in cui condividere conoscenze, idee e passioni, mettendo in pratica l’arte del Do It Yourself (DIY). Diverse sono state le iniziative, che in questi anni hanno visto protagonista FabLab Messina: durante la pandemia per esempio,  l’associazione è stata in prima linea con il progetto “Open Mask Sicilia”, ideato per donare presidi digitali sanitari, alle strutture ospedaliere in difficoltà nel periodo emergenziale.  Numerosi poi, sono stati gli eventi che hanno coinvolto alcuni istituti scolastici del territorio messinese, come gli I.C. “Enzo Drago”, “Albino Luciani”, “Giuseppe Catalfamo” e l’I.I.S “G. Minutoli”. “Abbiamo avuto la possibilità – dichiara il presidente - di insegnare l’utilizzo di software e strumenti innovativi, agli alunni delle scuole con cui abbiamo collaborato. I ragazzi hanno dimostrato grande entusiasmo, perché hanno potuto mettersi in gioco e vedere con i propri occhi i risultati del loro impegno”. Ultimamente poi, grazie al progetto C.A.R.E.S. (Career Accessibility for Resilient Employment in STEMM) di cui Fablab Messina è partner, sono stati ospitati alcuni studenti provenienti dalla Romania e dalla Bulgaria, che hanno avuto l’occasione di visitare il laboratorio e imparare ad usare i macchinari. “Prossimamente – annunciano D’Andrea e De Luca – voleremo in Romania per la seconda parte del progetto”. Esperienze significative, che i membri del FabLab sono intenzionati a ripetere anche quest’anno, con la speranza di poter realizzare in futuro un grande evento, rivolto a tutte le scuole di Messina. “Il più grande traguardo – affermano il presidente e il tesoriere – fino a questo momento è stato quello di non chiudere. Infatti, non è semplice portare avanti un’associazione, che si basa unicamente sul tempo libero e sulle quote degli associati, senza avere alcun tipo di supporto dalle istituzioni cittadine. Per questo motivo, vorremmo chiedere all’amministrazione una sede in comodato d’uso. In questo modo, potremmo utilizzare le nostre risorse unicamente per migliorare il laboratorio, invece che per pagare l’affitto. FabLab è un luogo in grado di creare cultura e opportunità, che Messina non deve assolutamente rischiare di perdere”.

© Riproduzione riservata

TAG:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook