Martedì, 09 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Società

Home Foto Società Saponara, marcia della pace all'oratorio “Papa Giovanni XIII” di Scarcelli

Saponara, marcia della pace all'oratorio “Papa Giovanni XIII” di Scarcelli

di

Se le costruzioni avessero un’anima, gli edifici scolastici desidererebbero essere riempiti dalle voci e dalle risate dei bambini. Ed è stato così per l’ex plesso di Scarcelli di Saponara, ormai oratorio “Papa Giovanni XIII”. In un clima di festa si è dato il via al primo grest. Per l'occasione, si è svolta la "Marcia della Pace" con 50 bambini, le rispettive famiglie, la nuova amministrazione comunale al completo e altre autorità locali. Il corteo partito da Saponara si è concluso nei locali dell’oratorio. Una significativa iniziativa, insieme ai parroci delle parrocchie di Cavaliere-Scarcelli e Saponara-S. Pietro, che ha coinvolto un centinaio di bambini e ragazzi per una marcia che oltre ad essere un momento di gioia, per il ritorno alla socializzazione e alla vita comunitaria, è stata vista dai due sacerdoti come una circostanza di preghiera e sensibilizzazione per i ragazzi che non possono gioire e trascorrere momenti di divertimento insieme, a causa di guerre o altre situazioni determinate da conflitti tra potenti. Alla marcia hanno preso parte il sindaco Giuseppe Merlino e il suo vice Santino Venuto. La collaborazione tra don Enrico Mortillaro, parroco di Cavaliere-Scarcelli e presidente dell’oratorio, e don Giannandrea Rizzo, parroco di Saponara-S. Pietro, ha creato una sinergia che ha lasciato un importante messaggio. «Un segno bellissimo, che invita bambini e adulti a riflettere sul fatto che se non eliminiamo i confini e le barriere tra le persone, tra i villaggi e i Paesi, sarà impossibile evitare divisioni e conflitti tra gli Stati - hanno detto i due parroci -. Per una volta vogliamo fingere che anche gli edifici abbiano un’anima, e che in questa settimana di grest la scuola di Scarcelli, ora oratorio, gioisca insieme ai piccoli ospiti, sperando che altre iniziative vadano a coinvolgere i fedeli delle parrocchie e gli abitanti del comprensorio».

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook