Martedì, 04 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Appalti nei licei di Messina, si lavora al piano

Appalti nei licei di Messina, si lavora al piano

di

La rivoluzione edilizia del Pnrr, quella di cui beneficeranno 5 importanti istituti superiori – per indispensabili opere di adeguamento sismico e impiantistico e non solo, per un totale di 31 milioni – richiederà necessariamente uno sforzo responsabile di docenti, studenti e famiglie, in vista dell’apertura di grandi cantieri, nei rispettivi plessi storici, tra febbraio e marzo. È allo studio l’ipotesi che il parziale trasferimento delle classi degli istituti coinvolti (da 10 a 20 per istituto) in seconde sedi in locazione, possa iniziare già tra settembre e ottobre. Ciò in modo da evitare spostamenti che potrebbero risultare più complicati e disagevoli nel bel mezzo dell’anno scolastico.
Ma andiamo per ordine. I cantieri, come si ricorderà, inizieranno entro marzo per l’obbligo di rispettare le scadenze rigorose date agli enti locali dal Piano di ripresa e resilienza. Entro il 31 dicembre anzitutto andrà individuata la ditta aggiudicataria dell’appalto integrato, mentre entro il 30 marzo la Città metropolitana dovrà aprire i cantieri. Si tratta, lo ricordiamo, di opere tuttora in corso di progettazione per il liceo classico Maurolico (4,7 milioni); i licei scientifici Archimede (8,8 milioni) e Seguenza (4 milioni); il liceo Vittorio Emanuele III di Patti (2,1 milioni) ed opere per ben 14 milioni a beneficio del polo “Verona Trento-Nauti Caio Duilio” di via Ugo Bassi.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook