Venerdì, 27 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Torregrotta, nuovamente danneggiata la targa che ricorda le vittime di mafia

Torregrotta, nuovamente danneggiata la targa che ricorda le vittime di mafia

di

È stata nuovamente danneggiata la targa collocata in piazza Unità d'Italia che onora le vittime della mafia. "Condanniamo fermamente gli atti intimidatori occorsi tra la notte del venerdì 18 marzo e la successiva domenica pomeriggio con i quali, autori attualmente ignoti, hanno reiteratamente offeso la memoria delle vittime innocenti delle mafie, distruggendo la targa commemorativa della “Giornata nazionale della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie- dichiarano i componenti delle associazioni "Arci centapassi", "Vivi Torregrotta" e "Torregrotta futura"-.

La targa collocata in piazza Unità d’Italia nel marzo 2015 dall’allora Amministrazione Caselli, a conclusione di un percorso di educazione alla legalità e lotta alla Mafia, già vituperata e asportata nei mesi successivi dello stesso anno era stata, dopo il suo ritrovamento, riposizionata nella stessa sede nella giornata del 18 marzo scorso in vista della commemorazione che si sarebbe tenuta nella giornata di ieri.
Già nella notte del venerdì scorso, la targa era stata nuovamente oggetto di atti vandalici gravemente offensivi della memoria delle vittime e, subito dopo la re-inagurazione domenicale, presa di mira con ulteriori due episodi vandalici, nel primo pomeriggio e, successivamente, nella serata. Quello che preoccupa- proseguono le tre associazioni- è la sottovalutazione di gesti che, per l’elevato disvalore che arrecano, non possiamo permetterci di considerare solo “bravate” e, di conseguenza, archiviati come se nulla fosse. Siamo uniti e invitiamo tutti a disinnescare la miccia della paura e della rassegnazione e per contrastare quella sottocultura che attraverso modelli di degrado e disinteresse costituisce il substrato sociale da cui le mafie traggono la loro forza".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook