Martedì, 22 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Il talento del gioco... E' messinese l'inventore del game di "Lol-Chi ride è fuori"

Il talento del gioco... E' messinese l'inventore del game di "Lol-Chi ride è fuori"

di

Samuele Sciacca, messinese, 24 anni e una passione per i videogames che lo ha portato a realizzare il gioco di "Lol-Chi ride è fuori", lo show della risata che ha incollato alla tv milioni di italiani.

Si è diplomato allo Jaci e si è fatto da sé diventando in brevissimo tempo un apprezzato programmatore di games. Assieme al suo team, il pixel artist  Manolo Saviantoni, all'art director Sebastiano Barcaroli e all'animatore Edo Faravelli è stato contattato dall'agenzia creativa BigJelly Fish per realizzare il gioco ufficiale di quella che è stata la serie di Amazon Prime Video più vista in assoluto. Un successo della tv diventato anche un fenomeno social.

"Anche il gioco sta andato abbastanza bene - racconta Samuele - sappiamo che i comici sono stati molto felici di giocare con le loro versioni in Pixel Art".

Ma il gioco di "Lol-Chi ride è fuori" non è di certo l'unica chicca del portfolio del 24enne messinese che è stato game developer anche di "Rescue Matilda" il game del brand Chiara Ferragni Collection che ha deciso di sperimentare il gaming come nuova forma di promozione innovativa.

E' andando ancora più indietro nel tempo che si scopre la vera forza di Samuele: modestia e tenacia lo hanno sempre accompagnato sin da quando, a 11 anni, ha preso in mano il suo primo pc. A 13 realizzava già siti internet, a 17 anni, da autodidatta, ha iniziato a produrre videogames.

Samuele ha anche un canale youtube dove insegno come creare videogiochi e da 3 anni fa un video al giorno per gli appassionati. Ha fatto la spola tra Messina e Milano per inseguire il suo grande sogno. E per mantenersi ha fatto anche il lavapiatti. Con tanto sacrificio, ma senza mai arrendersi. E sorridendo, sempre.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook