Sabato, 07 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Controlli e sanzioni nella notte di Halloween, blitz della municipale nella movida di Messina - Foto

È stata una notte di “Halloween” di controlli, per la polizia municipale di Messina.
La Sezione Annona ha esordito con un sequestro di fuochi d’artificio a Cristo Re, classica sede delle “stappate” di mezzanotte con annessi spettacoli improvvisati di fuochi pirotecnici, che sono stati sequestrati e verranno distrutti.

Per tutta la notte, fino alle prime ore del mattino, la Sezione radiomobile e motociclisti ha eseguito controlli di viabilità nella zona del centro, posizionandosi sulla via Garibaldi in corrispondenza del Largo Minutoli e intervenendo anche nelle vie Cesare Battisti e Primo Settembre, dove sono state eseguite in totale 19 rimozioni, 29 sanzioni per violazioni varie al Codice della Strada tra le quali omesso uso di cinture di sicurezze, omesse revisioni e omessa assicurazione con relativo sequestro. In totale sono stati 38 i veicoli controllati 18 i conducenti sottoposti a controllo alcooltest.

In contemporanea, la Sezione Annona ha eseguito i controlli concentrati sulla movida cittadina, verificando alcune zone “calde” e ispezionando alcuni locali dove erano state organizzate delle serate. Il Comune sottolinea che l’azione di prevenzione messa in campo dall’Amministrazione con l’incontro svoltosi ieri con i gestori dei locali e le associazioni di categoria ha prodotto subito i suoi effetti: “Una festa a tema che era stata organizzata, senza alcuna licenza di polizia in un noto forte cittadino, è stata disdettata dagli stessi organizzatori dopo avere compreso il messaggio lanciato ieri al tavolo di confronto, dimostrando un senso di responsabilità che ci auguriamo sia il nuovo viatico di chi si occupa di intrattenimento dei giovani”.

Nella notte è stato controllato un locale in via Calabria che è risultato sostanzialmente conforme alle prescrizioni di sicurezza, e con una buona organizzazione anche in tema di controllo della somministrazione di alcol, che viene servito solo al bancone del bar al maggiorenne in possesso di idoneo documento di riconoscimento, evitando la somministrazione ai tavoli che favorisce la promiscuità del consumo. La polizia municipale è tornata poi a verificare un locale di via Don Blasco dove è stato accertato nuovamente il superamento del limite numerico degli avventori e la mancanza del sistema di limitazione della diffusione sonora. Pertanto, oltre alle contestazioni e relative sanzioni, la serata è stata interrotta, facendo defluire il pubblico dal locale. Nei pressi del locale di via Don Blasco è stato sanzionato anche un venditore ambulante con auto negozio che, pur essendo in possesso di regolare licenza, è stato trovato intento a vendere bevande alcoliche in violazione di legge. Anche per questo soggetto è scattata la segnalazione al questore.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook