Domenica, 17 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Messina, la rivoluzione del waterfront. Progetto dalla Zona falcata al Baby Park
IL DIBATTITO

Messina, la rivoluzione del waterfront. Progetto dalla Zona falcata al Baby Park

di
Nel dibattito sul futuro delle aree fieristiche dopo la demolizione del vecchio teatro interviene il M5S. Zafarana e Antonio De Luca a sostegno di Mega: «C’è una visione strategica»

«La città sarà coinvolta nel processo di riqualificazione dell’ex Fiera e del waterfront». Ne sono convinti i deputati regionali del movimento Cinque Stelle, Valentina Zafarana e Antonio De Luca, che intervengono nel dibattito sulle sorti della cittadella fieristica, ribadendo il loro sostegno all’operato del presidente dell’Autorità portuale di sistema Mario Mega, che d’altra parte è stato nominato alla guida dell’Authority dello Stretto proprio per volontà del M5S e dell’allora ministro dei Trasporti Danilo Toninelli.
«Il presidente Mega – affermano Zafarana e De Luca – ha ampiamente dimostrato un proficuo atteggiamento di apertura al dialogo costruttivo con la cittadinanza messinese e con tutte le istituzioni coinvolte. La riqualificazione del quartiere fieristico e la valorizzazione delle bellezze paesaggistiche del nostro fronte a mare devono essere strumento propulsivo per lo sviluppo del tessuto economico cittadino, restituendo al contempo alla città quelle porzioni di territorio a lungo negate».
È la visione generale che va perseguita, ribadiscono i due deputati regionali: «Quello in itinere è un progetto che riguarda tutto il lungomare cittadino, dal Baby Park alla Zona falcata, passando per la Rada San Francesco: una preziosa porzione di territorio da ripensare come un tutt’uno, da destinare ad usi e approcci differenziati, ad attività turistiche, commerciali, culturali, connesse al crocerismo e al diportismo, che consentano una svolta economica e occupazionale al territorio messinese. Vogliamo credere che nessuno desideri “bloccare” o “rallentare” ulteriormente il recupero e lo sviluppo di una porzione così importante della città, determinando tra l’altro il protrarsi dell’attuale insopportabile assetto».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook