Venerdì, 22 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Lavoratori Blu Jet, Filt Cgil e UIltrasporti: "Adesioni altissime allo sciopero dei marittimi"
LA VERTENZA

Lavoratori Blu Jet, Filt Cgil e UIltrasporti: "Adesioni altissime allo sciopero dei marittimi"

"All’ottava azione di sciopero le adesioni restano altissime oltre l’80%, segnale chiaro che i lavoratori respingono ogni attacco ai diritti contrattuali posti in atto dalla dirigenza locale di Blu Jet e rivendicano l’applicazione del contratto delle attività ferroviarie . Nessun gioco al ribasso sarà permesso - continuano FILT e UILT - nè sul piano contrattuale nè sulla sicurezza nell’esercizio , è il messaggio forte e chiaro che i lavoratori lanciano all’azienda e a chi volesse farle sponda sul fronte sindacale". E' quanto si legge in una nota di FILT CGIL e UIltrasporti.

"Il prefetto - prosegue la nota dei sindacati  - , che questa mattina ha ricevuto una delegazione dei lavoratori, ha garantito un intervento istituzionale anche verso la Capitaneria di porto ove Filt Cgil e UIltrasporti hanno depositato un esposto denuncia su turni di lavoro e sicurezza di esercizio".

La Fit Cisl ribadisce che "il tema della tipologia di contratto collettivo da applicare ai lavoratori Blu jet non è di pertinenza di tavoli di confronto sindacale territoriale ne si dipana istigando i lavoratori allo sciopero ad oltranza".

«La dirigenza locale di Blu Jet – ricorda Letterio D’Amico, segretario provinciale Fit Cisl - ha più volte comunicato alle organizzazioni sindacali che i livelli nazionali di RFI ritengono impropria l’applicazione del contratto ferroviario e il discorso si sta affrontando a Roma».

"Intanto, in attesa di novità da tavoli nazionali, sul territorio il sindacato ha il dovere di adeguare i salari e garantire certezza del posto di lavoro. «A tale proposito – aggiunge D’Amico - abbiamo già avanzato richiesta a Blu Jet di un tavolo di contrattazione di secondo livello nel corso del quale la Fit Cisl rivendicherà l’adeguamento dei salari BluJet da equiparare al contratto ferroviario e la stabilizzazione in CRL dei precari, che ancora sono tanti. Chiederemo inoltre che le previste assunzioni per la nuova linea da Reggio siano a tempo indeterminato. Livellati i salari e garantita la stabilità lavorativa di tutti, ci sarà tempo e luogo per stabilire quale contratto applicare a questi lavoratori. Intanto – conclude D’Amico - cominciamo dalle priorità».

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook