Mercoledì, 08 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Coronavirus e turismo in crisi, Federalberghi Eolie: "Servono misure per le isole minori"
MESSINA

Coronavirus e turismo in crisi, Federalberghi Eolie: "Servono misure per le isole minori"

«Nonostante tutta la nostra buona volontà la stragrande maggioranza di noi rimane dell’idea che non ci siano i presupposti per riaprire le strutture ricettive». Lo dice il presidente di Federalberghi delle Eolie Christian Del Bono.

«Una finanziaria molto ampia che a fronte delle risorse economiche messe in campo (circa 1,5 miliardi) e nonostante le articolate richieste avanzate al Governo regionale, alle commissioni e ai gruppi parlamentari dell’Ars - spiega - non prende adeguatamente in considerazione le specificità e le fragilità delle comunità micro insulari né il fatto che il turismo sia ampiamente il settore dell’economia che maggiormente risentirà di questa crisi. Siamo convinti che lo
sforzo del governo Musumeci non possa considerarsi sufficiente e che siano necessarie misure mirate per le isole minori».

«I flussi turistici previsionali per il 2020 e il 2021 - aggiunge - rimangono catastrofici. Le prescrizioni dettate dai protocolli in materia di accoglienza e di sicurezza sui luoghi di lavoro sono quasi proibitive per rischi, costi e complessità di attuazione. Inoltre, si aggiungano le peculiarità delle isole minori. Dalla precarietà delle strutture sanitarie all’estrema concentrazione dei flussi turistici che in alcune isole è di soli quattro mesi, continuando con una pressoché totale dipendenza dall’economia turistica, le difficoltà intrinseche nel raggiungere le isole e il fatto che metà della stagione turistica può ormai considerarsi perduta. Solo ad Ustica e a Favignana si ritiene possano esserci i presupposti per riaprire già in giugno, soprattutto nell’ambito del comparto extralberghiero, sperando in un turismo interno di prossimità. Rimarrebbero ad oggi invece spiazzate le Eolie che per il 45% dipendono da flussi di turismo internazionale e per almeno un terzo da quelli extraregionali. Stesse difficoltà per Pantelleria e le Pelagie, dipendenti dai collegamenti aerei con il nord Italia».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook