Venerdì, 03 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Milazzo, smaltimento dei rifiuti: permane il rebus Trapani
AMBIENTE

Milazzo, smaltimento dei rifiuti: permane il rebus Trapani

Preoccupazione per il silenzio della Regione
Messina, Cronaca
L’impianto di trattamento dei rifiuti di Trapani

Questione rifiuti sempre in primo piano. Nelle ultime 48 ore è stato praticamente azzerato l’arretrato che si era determinato nella raccolta della “indifferenziata” per i problemi sorti col gestore della discarica di Trapani, ma anche questa settimana occorrerà operare con la massima accortezza per evitare il rischio di nuove emergenze.
Per tale ragione il Comune ha deciso di mantenere la modifica al calendario di smaltimento che prevede il ritiro dell’indifferenziata venerdì e non, come al solito, nella giornata di domani, quando invece sarà raccolta la plastica da conferire dunque già stasera. Inalterate le altre giornate.
Ma non c’è dubbio che occorra uscire dall’impasse, visto che la Regione sembra essere sorda all’appello di modificare il sito di smaltimento consentendo a Milazzo, e anche a Barcellona, di recarsi nella più vicina Catania anziché a Trapani. Una decisione, quella adottata dall’assessorato regionale all’Energia, che – evidenziano a Palazzo dell’Aquila – non trova giustificazioni anche perché tra tutti i Comuni della Srr “Città Metropolitana” solo Milazzo, Barcellona e Furnari sono stati destinati in un luogo così distante con aggravio di costi ma anche di disagio nel conferimento visto che praticamente il gestore contesta delle impurità nei carichi di “indifferenziata” da depositare e fa tornare indietro, carichi, i compattatori. Evidente il rischio di condizionare la raccolta e mettere l’intero sistema di smaltimento in ginocchio.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook