Mercoledì, 01 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Strade di Lipari fra precarietà e degrado, nuovo "sos" alla Città Metropolitana
EOLIE

Strade di Lipari fra precarietà e degrado, nuovo "sos" alla Città Metropolitana

di
Nota documentata del consigliere di maggioranza Lampo. Spicca il caso dei ponti ristretti da... sei anni

 

Molte, se non tutte, le strade provinciali nell’isola di Lipari, versano in uno stato di precarietà e degrado. A farsi portavoce delle rimostranze dei cittadini è il consigliere comunale di maggioranza Christian Lampo che ha inoltrato una dettagliata nota al sindaco metropolitano Federico Basile e ad altri organismi istituzionali regionali e locali.
In questa, con particolare riferimento alla Sp. 180 (Canneto – Acquacalda), Sp 179 (Acquacalda- Quattropani – Pianoconte – Lipari) e Sp 181 (Lipari – Canneto – Lami), ha evidenziato come queste siano «interessate da numerose buche e avvallamenti; dalla presenza, con contestuale invasione della sede stradale, di arbusti e vegetazione che si dipartono dal bordo strada; dall’assenza, in alcuni tratti, di segnaletica e di illuminazione tali, da creare un serio pregiudizio per l'incolumità pubblica». A proposito della Provinciale 180 rimarca, inoltre, come «su due dei ponti che vi insistono, perdura, da tempo, una limitazione al traffico con l’istituzione del senso unico alternato, a causa di seri problemi di staticità». Il riferimento è ai ponti “Porticello” e “Pietra Liscia” che si apprestano a “festeggiare” il sesto compleanno del transennamento delle corsie (lato mare). Transennamento che seguì l’intervento dei vigili del fuoco, intervenuti su segnalazione di un cittadino che aveva evidenziato una possibile situazione di pericolo lungo quel tratto della provinciale.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook