Giovedì, 20 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Truffa e usura all'ombra della mafia dei pascoli, confiscati 7mln a un imprenditore dei Nebrodi
DIA

Truffa e usura all'ombra della mafia dei pascoli, confiscati 7mln a un imprenditore dei Nebrodi

Beni per 7 milioni di euro sono stati confiscati dalla Direzione investigativa antimafia a un imprenditore dell’area dei Nebrodi, nel Messinese, Nunzio Ruggieri (di Naso) attivo nel settore della macellazione e commercializzazione di pellame. E’ ritenuto - sulla base delle indagini della Dia e coordinate dalla Dda di Messina - socialmente pericoloso a seguito di vicende giudiziarie per truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche, abusivismo finanziario e usura, reato quest’ultimo per il quale è stato condannato con sentenza divenuta irrevocabile nel 2009.

L’imprenditore, peraltro, è stato indicato da un collaboratore di giustizia come operatore economico vicino ad ambienti mafiosi dei Nebrodi e dei 'tortoriciani'. Inoltre, pur non avendo formalmente dichiarato redditi sufficienti a giustificare le rilevanti disponibilità economiche, è riuscito ad accrescere il proprio patrimonio personale e imprenditoriale ricorrendo anche all’intestazione di beni a congiunti e parenti.

La confisca, disposta dalla Corte d’appello di Messina, segue il sequestro deciso dalla Sezione misure di prevenzione del tribunale di Messina nel 2020. Nel complesso sono stati oggetto del provvedimento il 50% di una società, il 20% del Fondo consortile di un consorzio, 17 unità immobiliari (fabbricati e terreni); 20 mezzi personali ed aziendali e vari rapporti finanziari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook