Domenica, 01 Agosto 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il disperato sos dei commercianti messinesi: "In tanti non riapriranno"
COMMERCIO

Il disperato sos dei commercianti messinesi: "In tanti non riapriranno"

di
Tra l’attuale emergenza pandemica e la lenta ripartenza (quando avverrà...) il 30 per cento degli esercizi rischia di non esserci più

Il 15% delle aziende di Messina ha già chiuso o chiuderà nell’ambito della pandemia. Un altro 15% non potrà o non saprà riprendersi, nell’ambito della lenta ripartenza. È quanto crede che potrebbe accadere in città, se non si riuscirà ad invertire la rotta della crisi, il presidente di Confcommercio Messina Carmelo Picciotto. «Sono già tanti i commercianti cittadini – spiega Picciotto – che, a prescindere dal colore della zona, hanno scelto di non riaprire le loro attività a causa della crisi che già attanagliava le imprese e che ha dato il colpo di grazia durante l’emergenza dovuta al nuovo coronavirus. I problemi che tutte le attività commerciali si sono trovate ad affrontare sono diversi, dalla mancanza di liquidità, alla paura per la sicurezza fino alla gestione della cassa integrazione. Di contro, le vendite on line sono aumentate di oltre il 50%. Un problema serio, soprattutto per una città come Messina dove già l’economia era in ginocchio e dove potrebbe essere più difficile rialzarsi. La chiusura durante il periodo dei saldi – continua Picciotto – è stata l’ennesima mazzata per i commercianti. Bisognerà prevedere sostegni anche per i negozi di abbigliamento».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook