Sabato, 16 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Coronavirus, il dramma dei messinesi a Bergamo: "Vediamo passare l'angelo della Morte"
LA TESTIMONIANZA

Coronavirus, il dramma dei messinesi a Bergamo: "Vediamo passare l'angelo della Morte"

di

«Qui sembra che passi l'Angelo della Morte raccontato nella Bibbia». Sono le parole di Pina Inferrera, artista, fotografa, curatrice di mostre e progetti di arte contemporanea, moglie del medico messinese Pietro Curtò che da anni vivono a Bergamo.

La provincia lombarda più colpita dal Coronavirus, con più contagiati, non solo anziani e non solo persone con malattie pregresse, ma anche adulti sani tra i trenta e cinquant'anni. Nella sola città capoluogo attualmente si registrano 3760 contagiati (dal precedente fine settimana allo scorso week end è raddoppiato il numero dei morti).

Le strutture sanitarie non riescono più a fare fronte alle richieste e i cimiteri sono saturi, il personale medico e paramedico lavora senza sosta, riposi, ferie e senza adeguata protezione in ospedale ma soprattutto negli ambulatori che sono la vera frontiera di questa epidemia.

L'articolo completo nell'edizione odierna di Messina della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook