Mercoledì, 13 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA SENTENZA

Perse l’utero per un errore medico, risarcita una donna di Messina

di

Un risarcimento ad una donna di Messina che quasi dieci anni fa, dopo un aborto, subì l’asportazione dell’utero per errore medico.

La sentenza - riporta la Gazzetta del Sud in edicola - è della prima sezione civile del Tribunale, che ha condannato l’Azienda ospedaliera Papardo e due medici al pagamento in solido di 450.000 euro alla donna, e di 80.000 al marito.

Una storia complessa, cominciata a luglio 2010 quando la donna dopo aver scoperto di aspettare un bambino si sottopone ad una prima ecografia. Un mese dopo, torna in ospedale, le viene diagnosticato un aborto interno alle 10° settimana. Perde il figlio. Il giorno seguente si ricovera per il raschiamento ma, durante l’intervento la situazione si complica ed i medici sono costretti ad asportare l’utero, praticando una isterectomia.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook