Domenica, 22 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Barcellona, detenuti appiccano un incendio in un reparto del carcere: chiamati agenti di rinforzo

Caos nel carcere di Barcellona Pozzo di Gotto dove nel primissimo pomeriggio i detenuti dell’ottavo Reparto detentivo della Casa Circondariale ex OPG di Barcellona in provincia di Messina hanno dato fuoco all’intero reparto creando panico e sprigionando fumi tossici dal materiale bruciato in tutta la sezione. Tra i coinvolti ci sarebbe anche Francesco Olivieri, 31 anni, di Nicotera, che due giorni fa è stato condannato all'ergastolo per aver ucciso due persone.

Sembra che al momento siano due gli agenti rimasti intossicati e trasportati d’urgenza al pronto soccorso nel corso dell’operazione di contenimento e sicurezza. La situazione sembra essere ancora non chiara tanto che sarebbe stato chiamato d’urgenza in istituto il personale delle scorte dislocato presso il nucleo traduzione e piantonamenti per dare man forte ai colleghi all’interno del carcere.

La Federazione Sindacale Cosp da tempo richiede urgenti provvedimenti sull’intera struttura e sulla gestione del Carcere da parte del Provveditore Regionale della Sicilia e dell’Amministrazione Penitenziaria Centrale del Dipartimento Romano, il caso “Barcellona" era stato oggetto alcuni giorni fa nell’incontro che la delegazione Cosp aveva ottenuto con il neo insediato direttore generale del personale e delle Risorse Massimo Parisi a cui erano stati sollecitati urgente attenzione sulla sede Siciliana.

Il segretario generale nazionale del sindacato autonomo Domenico Mastrulli ha chiesto da tempo di essere ricevuto dal Ministro della Giustizia, dai dottosegretari di Stato alla Giustizia e dal Capo del Dipartimento che appaiono non recepire le invocazioni di aiuto a loro rivolte dal dindacato.

Il Cosp denuncia: "In una struttura dove mancano almeno 60 unità di personale di polizia penitenziaria e dove nei reparti affollati un solo agente è preposto alla vigilanza di 70/80 detenuti occupando 1,23,4 posti contemporaneamente con detenuti a grande sorveglianza anche, gli episodi che segnaliamo con costanza e documentale critica sindacale, dovrebbero essere recepiti da chi politicamente quale Ministro e Sottosegretario del Dicastero Giustizia e dipartimentalmente sono responsabili delle prigioni italiane giorno dopo giorno messe a soqquadro da rivoltosi e tentativi di fuga o evasioni consumate come la cronaca di questi giorni ci ha raccontato".

"La casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto in provincia di Messina - si legge nel comunicato -  è un carcere che ospita 200 detenuti e un reparto, il numero 8, sovraffollato e occupato da circa 70 detenuti, molti dei quali dovrebbero essere collocati in strutture sanitarie esterne al fine di poter garantire un maggior sicurezza e soprattutto le cure necessarie. Ciò che il carcere giudiziario di Barcellona oggi allo stato attuale non è nelle condizioni di poter offrire. Sull’episodio si registra il duro commento del delegato nazionale del Co.s.p. Sicilia Italiano Lettiero il quale nel commentare l’accaduto ha chiesto maggiori garanzie per il personale di polizia e una revisione delle regole detentive vigenti nell’istituto penitenziario".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook