Domenica, 24 Marzo 2019
stampa
Dimensione testo
L'INCHIESTA

Femminicidio a Messina, sul corpo di Alessandra "segni evidenti di strangolamento"

di
femminicidio messina, Alessandra Immacolata Musarra, Cristian Ioppolo, Messina, Sicilia, Cronaca
Alessandra Musarra

Il fidanzato resta in cella. L'autopsia di ieri pomeriggio ha confermato gli evidenti segni di strangolamento al collo, la tumefazione al volto, la “probabile” presenza di fratture: una clavicola e le ossa dello sterno.

Come si legge sulla Gazzetta del Sud in edicola, nell'ennesima lunga giornata dopo il femminicidio della 29enne Alessandra Musarra, altri tasselli si compongono per quella vita spezzata e distrutta mercoledì scorso tra le quattro mura di una casa popolare a S. Lucia sopra Contesse, che ha irrimediabilmente bagnato di sangue l'8 Marzo di Messina e del nostro Paese.

Dall'autopsia, ieri, dopo l'esecuzione all'Obitorio del Policlinico, sembrano essere emerse le prime certezze sulla dinamica ricostruita dalla polizia, in un quadro che comunque sarà molto più compiuto con la relazione finale del medico legale Patrizia Napoli.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione di Messina

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook