Lunedì, 18 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Bisconte: domani il compromesso per l'acquisto dell'area dove costruire 106 alloggi
MESSINA

Bisconte: domani il compromesso per l'acquisto dell'area dove costruire 106 alloggi

di
106 alloggi, assessorato regionale Infrastrutture, bisconte, finanziamento, Messina, Archivio
Bisconte: domani il compromesso per l'acquisto dell'area dove costruire 106 alloggi

La possibilità di salvare i 20 milioni 402 mila euro di finanziamento, revocati dalla Regione il 31 gennaio scorso che dovevano servire per il programma di riqualificazione urbana relativo alla costruzione di 106 alloggi a canone sostenibile nella zona di Bisconte, sembra assumere concretezza perché adesso è stata sanata anche l’ultima delle due criticità poste dall’assessorato alle infrastrutture di Palermo. Si tratta dell’acquisto dell’area, di proprietà dello Iacp, da parte del Comune che non possedeva la cifra per entrare in possesso di tutti i 20 mila metri quadri. L’Istituto aveva fatto all’assessorato al Risanamento una controproposta: la parcellizzazione dello spazio per acquistare quanto era nelle possibilità dell’Ente. Controproposta finalmente accolta. Il Comune ha accettato di acquistare parte dell’area, quella necessaria per realizzare il progetto di costruzione di 5 edifici con annesse opere di urbanizzazione, con la cifra che è nelle sue disponibilità, un milione 44 mila euro. Domani pomeriggio ci sarà una riunione allo Iacp convocata dal commissario Santoro per la firma dell’atto di compromesso per la vendita del terreno al Comune che poi manderà tutto l’incartamento a Palermo. Un sì, quello di domani, determinante per sbloccare le procedure che si erano arenate sulle due criticità sollevate dal dirigente generale dell’assessorato alle infrastrutture di Palermo: questa appunto, relativa all’acquisto dell’area, e il progetto esecutivo, la cui autorizzazione è stata firmata all’inizio del mese. Adesso nulla osta alla revoca del finanziamento da parte della Regione che ha destinato al progetto 8 milioni 100 mila euro. La fetta più grossa sarà quella dei privati che verseranno poco più di 11 milioni. La speranza è che adesso non ci siano recriminazioni di sorta sui tempi abbondantemente superati e che tutto possa rientrare nei termini di una giusta trattativa per avviare questo nuovo progetto segno di una fase di svolta nell’annoso immobilismo del risanamento cittadino.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook