Domenica, 21 Ottobre 2018
MESSINA

Gettonopoli, 16 rinvii a giudizio

di
gettonopoli, messina, rinvio a giudizio, Messina, Sicilia, Archivio
tribunale messina

L'inchiesta della procura, denominata Gettonopoli, l'inverno scorso ha provocato un vero e proprio terremoto a Palazzo Zanca. Sotto la lente d'ingrandimento degli inquirenti erano finite le presenze dei consiglieri durante le sedute delle commissioni consiliari.  Il sostituto procuratore Diego Capece Minutolo e l'aggiunto Vincenzo Barbaro  inizialmente iscrissero sul registro degli indagati ben 22 consiglieri comunali. Poi per Carlo Cantali, Rita La Paglia, Donatella Sindoni e Giuseppe Trischitta  la Procura non avanzò la richiesta di rinvio a giudizio che venne invece formalizzata per 19  persone.   

All'emissione dei provvedimenti i magistrati giunsero dopo mesi di indagini da parte della Digos effettuata anche con l'ausilio di telecamere nascoste ed intercettazioni telefoniche ed ambientali. In particolare proprio le telecamere installate a Palazzo Zanca consentirono alla Polizia di documentare i comportamenti di alcuni consiglieri che avevano l'abitudine di firmare il registro delle presenze e di allontanarsi pochi minuti dopo l'avvio dei lavori delle commissioni. Bastavano però quei pochi minuti per consentire loro d'intascare i gettoni di presenza e non sono stati pochi i consiglieri che hanno raggiunto il tetto massimo consentito dal regolamento. Fra gli indagati anche 12 consiglieri comunali ai quali è stato prescritto  l'obbligo di firma prima e dopo i lavori di commissione e cioè  Carlo Abbate, Piero Adamo,  Pio Amadeo,  Angelo Burrascano,  Giovanna Crifò,  Nicola Crisafi, Nicola Cucinotta, Carmela e  Paolo David,  Fabrizio Sottile,  Benedetto Vaccarino e Santi Zuccarello.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X