Lunedì, 10 Dicembre 2018
TAR DI PALERMO

Test medicina illegittimi
Cade il numero chiuso

test medicina, Messina, Archivio

Illegittimo il test per l’ammissione ai corsi di Medicina e Odontoiatria all’Università di Palermo, Catania e Messina celebrato l’8 aprile scorso in pieno anno scolastico per migliaia di diplomandi. A dichiararne la nullità è stato il Tar di Palermo, nel corso dell’udienza della prima sezione presieduta dal giudice Filoreto D’Agostino, che ha accolto il ricorso presentato dagli avvocati Santi Delia e Michele Bonetti. Già qualche giorno prima, il Cga aveva rigettato l'appello dell’Università sul passato test di ammissione e confermato la decisione dello stesso Tar Palermo che anche l’anno passato aveva duramente stigmatizzato l’operato delle Amministrazioni coinvolte nel concorso di ammissione. Anche per questi precedenti il Tar ha "ritenuta la fondatezza della censura relativa alla violazione della regola dell’anonimato in ragione dell’apposizione, sulla scheda anagrafica e in quella contenente i quesiti, oltre che del codice a barre, anche del codice alfanumerico di identificazione, il che per giurisprudenza costante, anche di questo Tar, comporta la violazione del principio dell’anonimato". "Si tratta - commenta l’avvocato Santi Delia - dell’unico provvedimento che il Tar Palermo ha emesso all’udienza dell’11 settembre su questo concorso giacchè il nostro ricorso era fondato ed incentrato proprio sulle peculiarità del caso Palermo. Tutti gli altri ricorsi, invece, sono stati trasmessi al Tar Lazio in quanto il Tar Siciliano si è dichiarato incompetente". Proprio il Tar Lazio, sempre l’11 settembre, ha pubblicato numerosi provvedimenti di ammissione di studenti siciliani delle Università di Messina e Catania confermando che il concorso dell’aprile 2014 è totalmente illegittimo. "Altri 500 studenti - concludono gli avvocati Bonetti e Delia - potranno studiare e realizzare i propri sogni. Le loro ammissioni sono distribuite in tutti gli Atenei italiani. Gli Atenei, in osservanza ai provvedimenti vittoriosi, non avranno problemi ad assorbire i nuovi ingressi, visto che, come da sempre diciamo, la capienza strutturale delle università c'è, così come sussiste la richiesta di nuovo personale medico negli ospedali". 

In merito alle notizie diffuse nella giornata odierna, relativamente a ricorsi inerenti le procedure di ammissione al Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia, l’Università di Messina precisa che "riguardo alle decisioni del Tar Lazio, l’Università di Messina puntualizza che le procedure contestate riguardano le istruzioni ministeriali e che le Commissioni in tutti gli Atenei italiani si limitano a seguire dette procedure. L’Ateneo non era coinvolto, invece, nel procedimento presso il Tar di Palermo. L’Università di Messina precisa, altresì, di non essere stata condannata a pagare 10.000 euro di spese legali. Nel contempo, l’Ateneo peloritano quando riceverà i provvedimenti dell’organo amministrativo, si adopererà ad eseguirli, ammettendo quegli studenti il cui ricorso è stato accolto. A margine, tuttavia, ci si aspetta che le ammissioni in sovrannumero influiranno negativamente, non solo a Messina, sull’attività didattica. Le strutture e il numero dei docenti, infatti, sono configurati per offrire un servizio a un numero limitato di studenti".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X