Sabato, 15 Dicembre 2018
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Inchiesta sui
bilanci del Comune

  Il reato ipotizzato è falso ideologico in atti pubblici. Falso che sarebbe stato commesso nella redazione e nell’approvazione dei bilanci del Comune, finiti nel mirino della Procura. Le casse di Palazzo Zanca, dunque, dopo l’ennesima stroncatura della Corte dei conti, finiscono in una bufera che è solo agli inizi. Sono 36 in totale gli indagati nell’inchiesta aperta dal sostituto procuratore Antonio Carchietti, che nei giorni scorsi ha notificato l’avviso di proroga delle indagini a diciotto di essi. Gli atti amministrativi finiti sotto i riflettori della Procura sono i bilanci degli anni 2009, 2010 e 2011, quindi quelli varati dalla giunta Buzzanca. Tra gli indagati, infatti, ci sono proprio l’ex sindaco Giuseppe Buzzanca e quasi tutti i suoi assessori (sarebbero esclusi solo Giovanni Ardizzone e Fortunato Romano), oltre ai revisori dei conti e, in una seconda tranche, anche dirigenti e funzionari di Palazzo Zanca. A Si tratta, in sostanza, di quanti hanno avuto un ruolo pubblico oppure hanno presenziato o preso parte alle votazioni degli atti su cui si ipotizza sia stato commesso il falso in concorso. Un ruolo chiave nell’inchiesta lo gioca e lo giocherà il consulente nominato dalla Procura a fine 2012 e che per mesi ha spulciato tutti i conti di Palazzo Zanca, documento per documento, passando ore e ore negli uffici del Comune, anche al fianco di alcuni dirigenti. Si tratta di Vito Tatò, dirigente dei Servizi ispettivi di Finanza pubblica del ministero dell’Economia e delle Finanze, con diverse esperienze di questo genere alle spalle.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X