Lunedì, 10 Dicembre 2018
MESSINA

Beni comunali,
il no di Signorino

guido signorino, Messina, Archivio
accorinti+signorino

Giocando con le parole si potrebbe dire che la giunta Accorinti ha deciso di alienare  il piano di alienazione degli immobili comunali. Innanzi tutto non favorirebbe l’approvazione del piano di riequilibrio (ma, anzi, in alcuni casi l’ha proprio compromessa),  ma c’è anche un altro intento, che poi è uno degli obiettivi di questa amministrazione (nonché cavallo di battaglia degli attivisti del Pinelli) che è la salvaguardia e la gestione partecipata dei beni comuni.

E oggi sono state  illustrate le finalità del laboratorio Messina per  i beni comuni e  le istituzioni partecipate, istituito il 30 gennaio scorso  dalla giunta, e il protocollo d’intesa approvato il 18 marzo e che sarà proposto per la sottoscrizione ad altri comuni d’Italia per un regolamento condiviso della gestione partecipata del patrimonio pubblico,con la formulazione  di progetti che poi dovranno essere approvati nelle aule consiliari. A tal proposito, l’argomento sarà al centro di un convegno  che si terrà venerdì  nel salone delle bandiere  a partire dalle 9.30 con la partecipazione del giurista teorico dei beni comuni,  Ugo Mattei e di alcuni movimenti di autogestione provenenti da tutta Italia. Il laboratorio è composto da tre organi: un forum della cittadinanza, un tavolo tecnico di esperti e un nucleo di coordinamento affidato  all’assessorato.  Del tavolo tecnico fa parte il giurista e vicepresidente emerito della corte costituzionale Paolo Maddalena. 

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X