Martedì, 22 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
MANGIALUPI

Lelat ancora nel
mirino dei vandali

lelat, Messina, Archivio

L’ultimo di un serie infinita di atti vandalici contro la sede di Mangialupi, proprio alle spalle del carcere di Gazzi, è stato messo a segno nelle scorse ore. Ignoti hanno pensato bene di fare irruzione in una serra, danneggiandola e rendendo così ancor più arduo il compito della presidente Lelat Anna Maria Garufi e di tutto il suo staff. Un’intimidazione bell’e buona, in quanto alcuni sconsiderati, nel cuore della notte, hanno distrutto centinaia di piantine, frutta e ortaggi coltivati dagli ospiti della struttura di assistenza e recupero. Come se non bastasse, i malviventi, prima di andare via, hanno aperto i rubinetti dell’acqua, in modo che il piccolo vivaio si allagasse. L’episodio ha lasciato l’amaro in bocca alla Garufi, ai suoi collaboratori e ai ragazzi della Lelat, che hanno profuso tanti sforzi per curare lo spazio verde. Come detto, non è la prima volta (e purtroppo c’è da scommettere che non sarà l’ultima) che la sede di Mangialupi subisce atti deprecabili come questi.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X