Lunedì, 10 Dicembre 2018
GIUDIZIARIA

Rapinò un pub e ferì
3 persone, in appello
confermati 14 anni

bonasera, Messina, Archivio

Condanna di primo grado integralmente confermata in appello, a 14 ani di relcusione, per il 31enne Antonino Bonasera, originario di Santa Lucia sopra Contesse, ritenuto uno degli autori della cruenta rapina con sparatoria e tre feriti che venne messa in atto la mattina di Pasqua del 2010 all’interno del pub “Avogado Mexican Grill” di via Giordano Bruno. Conferma della condanna aveva richiesto anche l’accusa, il sostituto Pg Enza Napoli. Bonasera, che in questa vicenda è stato assistito dall’avvocato Antonello Scordo, qualche giorno dopo il colpo si presentò di pomeriggio negli uffici della Mobile, che lo braccava da alcuni giorni per notificargli un fermo di persona indiziata di delitto emesso dal sostituto procuratore Anna Maria Arena dove si ipotizzavano i reati di tentato omicidio, rapina aggravata, porto e detenzione illegale di arma da fuoco e spari in luogo pubblico. Dal canto uso Bonasera si è sempre proclamato innocente. All’epoca i sospetti su di lui e sugli altri due complici, arrestati anche loro, grazie ad alcuni riscontri eseguiti dalla Mobile subito dopo il colpo, con tre persone finite in ospedale per ferite d’arma da fuoco, e anche grazie ad alcune testimonianze, si ebbero quasi subito dopo l’assalto. L’uomo fu indicato come uno degli autori del colpo anche da alcuni presenti alla rapina che lo avevano riconosciuto nelle fotografie fatte visionare dalla polizia. Tutto avvenne nella prima mattinata del 4 aprile 2010. Bonasera, a volto coperto e armato di pistola calibro 7,65 secondo l’accusa fece irruzione nel pub facendosi consegnare 200 euro. Vista l’esiguità della somma intimò ad uno dei gestori del pub di raccogliere e consegnare i portafogli dei pochi clienti presenti. Al rifiuto scoppiò una rissa durante la quale una persona riuscì a strappargli il giubbotto catarifrangente che usava per coprirsi il volto. Immediata fu la sua reazione e tentando il tutto per tutto esplose tre colpi di pistola, ferendo con un colpo ciascuno altrettante persone. Quindi la fuga, abbandonando nel pub anche i 200 euro in banconote di vario taglio che erano cadute durante la colluttazione.   

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X