Martedì, 20 Novembre 2018
ISTITUTO ANTONELLO

Già “masterchef”
a 17 anni

de vuono, Messina, Archivio

Ci sono talenti che esplodono giovanissimi nella musica, nello sport, nel mondo della cultura. E ce ne sono anche di quelli che vengono fuori dalle cucine. A soli 17 anni ha già dimostrato di avere la stoffa per diventare, lui sì, un Masterchef. Si chiama Giuseppe De Vuono e frequenta l’ultimo anno dell’Istituto Antonello di Messina. Se gli chiedete dove ha trascorso la vacanze estive e per ultimo quelle natalizie, lui vi sorprenderà. Niente ombrelloni, lidi o settimane bianche ma lavoro e poi ancora lavoro e formazione. Fino a due settimane fa era sul Lago d’Orta. Per un stage scolastico al quale è stato indirizzato dal suo Istituto, è stato inserito per un mese nello staff del San Rocco, un esclusivo ristorante guidato da Paolo Viviani, vincitore sei anni fa delle Olimpiadi internazionali del riso. «Un’occasione unica – dice Giuseppe che frequenta la 5. C dell’Antonello – ho potuto guardare da vicino come si lavora in un ristorante con un executive chef di valore mondiale. Un pranzo in quel ristorante costa oltre 100 euro ed una portata anche 30. Mi hanno colpito i loro metodi di cottura e conservazione e come manipolassero gli alimenti». Che Giuseppe avesse in cucina qualcosa in più dei suoi coetanei si è intuito quando a ottobre è salito sul podio del campionato europeo di cucina per giovani cuochi. A Skopje in Macedonia, ha dato continuità ai bei risultati ottenuti dall’Antonello nelle precedenti edizioni, arrivando secondo da leader di una squadra composta anche da una studentessa estone ed un francese. «Abbiamo chiuso al secondo posto su 18 squadre in rappresentanza di 31 Stati. E dire che mi hanno fatto cucinare una trota con porro e salsa di pastinaca. Non esattamente alimenti siciliani, anche se io poi c’ho messo anche le melenzane ». Prima del riconoscimento internazionale che ha inorgoglito la sua preside Elvira D’Orazio, Giuseppe si era messo in mostra anche a Londra. In occasione di un stage formativo dell’Antonello per l’iniziativa “Ambasciatori del Gusto”, alcuni giovani studenti avevano cucinato per un programma di iniziative promosse dall’Istituto di cultura italiana della capitale londinese. A quelle serate avevano partecipato anche Piero Angela e Monica Bellucci. Quell’opportunità che la scuola gli aveva dato, Giuseppe De Vuono non solo l’ha colta al volo, ma l’ha anche coltivata. «Ho chiesto con coraggio di poter restare a lavorare a Londra – dice lo studente – durante le vacanze estive. E sono stato accontentato. Mi hanno chiamato prestissimo ed ho trascorso tre mesi a Londra in un locale di una catena italiana a Piccadilly Circus. A 17 anni ero responsabile del buffet senza nessun’altro vicino che mi desse indicazioni. Ho imparato un po’ d’inglese, ho vissuto lontano da casa con i miei primi stipendi e conto di tornare dopo il diploma a Londra. Il mio futuro? Aprire un ristorante tutto mio. Anzi. Perché uno solo, più d’uno». Ma per il domani il suo insegnante Nino Iannazzo, che lo sta guidando in questa fase di apprendistato avanzato, ha altre idee. «Lo spediremo ancora più lontano. Quest’estate andrà a cucinare per uno chef stellato della Locanda Locatelli che ha aperto un ristorante di livello assoluto a Dubai. È già pronto. Sotto il profilo della tecnica e della professionalità è come se avesse già 23 o 24 anni. Ha bruciato le tappe, può già essere uno chef di partita e poi per capire di che talento parliamo sappiate – dice Iannazzo che in questi anni ha già visto altri suoi ragazzi andare in giro per il mondo a lavorare – che uno straordinario intagliatore autodidatta di verdure. Fa delle opere d’arte con zucche ed angurie. Intanto me lo porto da primo assistente a Sanremo dove la nostra scuola sarà responsabile del catering del quartier general del Festival, Casa Sanremo ». Intanto venerdì dalle 14 alle 19 e sabato dalle 8.30 alle 13 anche l’Istituto Superiore Antonello di viale Giostra apre le proprie porte in vista delle iscrizioni del prossimo anno scolastico. Gli studenti delle scuole media cittadine e della provincia potranno visitare le aule ed i tanti laboratori di informatica, di sala-bar, di cucina, di grafica, di fotografia. Prevista la distribuzione di brochure informative sull’Offerta Formativa dell’Istituto e sulle modalità di iscrizione on-line.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X