Domenica, 01 Agosto 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Video Società "Svarioni" nei cartelli turistici appena realizzati, scoppia la polemica a Messina

"Svarioni" nei cartelli turistici appena realizzati, scoppia la polemica a Messina

“Cimitero” diventa “Cimitery” al posto di “Cemetery” e “Christo Re” contiene una “h” di troppo

«Belli i nuovi cartelli turistici del Comune. Peccato che, almeno credo, siano stati tradotti, male, col Google translate. E per esempio “Cimitero” diventa “Cimitery” al posto di “Cemetery”. Oppure “Passeggiata a mare” è divenuta “Seaside walk”, che in senso assoluto ha logica ma essendo un nome proprio, sarebbe come tradurre “Walk of Fame” con: “Passeggiata della fama”... Ora dico: prima di mandare in stampa cartelli che leggeranno praticamente solo i turisti internazionali, possibile che non ci sia stata neppure la curiosità di rileggere le bozze per vedere se quelle scritte fossero tradotte bene? Ci voleva proprio tanto? Bastava chiedere a uno studente di primo anno di lingua inglese. Segnalerò formalmente la cosa all’assessorato: prendiamola come uno svarione...». È nata da questo “post”, firmato dal consigliere comunale del Pd Alessandro Russo, una di quelle polemiche che, rimbalzando sui social, diventano un caso politico-amministrativo.
Lo stesso Russo lo definisce il “cartelli turistici-gate”. E poi precisa di aver interloquito con l’assessore al Turismo, «il quale mi ha comunicato che sui cartelli scorretti verranno prestissimo apportate le correzioni (senza ulteriori spese per il Comune)».

E ieri l’assessore Caruso è intervenuto ufficialmente, coinvolgendo, con un simpatico video, anche Simba, il percussionista americano dei “Truvatura”, che vive a Roma ma ha abitato in Sicilia per dieci anni e che è legatissimo a Messina. «Seaside Walk? Yes, why not? – comincia ironicamente la risposta di Enzo Caruso –. A parte due evidenti errori di battitura (“cimitery” non esiste neanche nel traduttore di Google) e “Christo Re” contiene una “h” di troppo, niente risulta irreparabile rispetto ai casi gravi della vita, e questo ve lo posso assicurare per esperienza personale. Il mistero degli errori sul cartello turistico è, comunque, presto svelato: è stato stampato per errore il file preliminare di bozza e si ristamperà tempestivamente quello corretto, senza alcun aggravio di spesa.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook