Mercoledì, 01 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Sciopero ATM Messina, bandiere al vento e applausi al rientro dei bus dopo fascia di garanzia

Sciopero ATM Messina, bandiere al vento e applausi al rientro dei bus dopo fascia di garanzia

Erano in tanti nel primo pomeriggio, davanti alla sede dell'ATM di via La farina, ad accogliere i bus ed i loro autisti che hanno aderito allo sciopero ma che tuttavia hanno garantito le fasce orarie protette. Ad accoglierli decine di lavoratori con le bandiere di tutte le sigle sindacali che hanno proclamato l'astensione

Sciopero di 24 ore

E' iniziato a mezzanotte e un minuto lo sciopero del personale Atm, l'azienda trasporti di Messina. Fino alle 6:30 e dalle prime luci dell’alba pochissimi i mezzi gommati in strada con un'adesione del 90% dei dipendenti e il servizio tranviario completamente fermo. Dalle 6:30 alle 9:30 è iniziata la prima fascia di garanzia, in cui  sono stati garantiti i servizi all’utenza stabiliti dalla legge. La protesta è poi ripresa alle ore 9:30. L'altra fascia protetta, invece, si è conclusa alle 15.30 quanto appunto i bus, da ogni parte della città sono rientrati in sede per continuare lo sciopero che si concluderà alle 23.59. Non è invece prevista alcuna fascia protetta nelle ore serali. 

Soddisfatti i sindacati

"I sindacati Filt Cgil Uiltrasporti Ugl Faisa e Orsa plaudono al grande esempio di lotta che oggi hanno dato gli autoferrotranvieri di Arm che di certo apre un nuovo capitolo nelle relazioni sindacali con il management aziendale"

La dura nota dell'Azienda trasporti

Mentre va al termine lo sciopero dei sindacati, ATM firma i contratti di assunzione a tempo pieno ad ulteriori autisti presenti nella long list. Si tratta del proseguimento dell’aumento del personale annunciato nei giorni scorsi che permetterà di migliorare i servizi di ATM.

I dati, forniti al termine dello sciopero, mostrano che meno del 40% degli autisti ha aderito alla manifestazione, mentre negli altri reparti aziendali la partecipazione è stata inferiore al 10%.

“Ci dispiace sentire sempre le solite informazioni tendenziose da parte dei sindacati – dichiarano i vertici aziendali – soprattutto per quanto riguarda i continui errori giudicati punitivi nel pagamento di stipendi e straordinari. Siamo orgogliosi di poter dire che entro la metà del mese paghiamo regolarmente e completamente tutti i nostri dipendenti, al netto dei normali errori umani che vengono prontamente corretti. In buona sostanza: stipendi e premi di produttività sono pagati regolarmente. Gli “errori” in busta paga lamentati sono in realtà frequentemente dovuti a mancate timbrature da parte del personale che non ottempera, spesso volutamente, alle disposizioni aziendali, il che, oltre ad essere un fatto deprecabile, cui conseguono le dovute contestazioni, è causa di innumerevoli perdite di tempo per l’ufficio aziendale preposto alle rilevazioni contabili. Eventuali veri errori nelle buste paga, quasi fisiologici in una azienda con oltre 500 dipendenti, si contano sulle dita di una mano e vengono sempre sanati a semplice richiesta da parte dell’interessato.”

In merito alle dichiarazioni di Filt -Cgil, Uilt, Faisa ed Ugl, che dicono di non avere aderito alle motivazioni dello sciopero dei proclamanti contro il Governo Nazionale ad eccezione di Orsa che invece vi ha aderito, e che però rivendicano i numeri dell’astensione, non possiamo che evidenziarne la consueta confusione e genericità, unicamente per ottenere una immeritata ribalta mediatica.

Il personale dipendente è stato libero di scioperare, nessuno del management aziendale ha posto in essere comportamenti antisindacali, lo stesso non può dirsi tuttavia per le numerose segnalazioni pervenuteci di veri e propri atteggiamenti intimidatori da parte sindacale nei confronti dei lavoratori per indurli a scioperare.

“Certo, – proseguono i vertici aziendali – dispiace aver registrato azioni di “picchettaggio” da parte delle rappresentanze sindacali aziendali davanti l’ingresso della palazzina ATM e nei principali capilinea, che in qualche caso, hanno assunto i toni di vere e proprie pressioni sugli autisti che non hanno scioperato, con velate minacce su future ritorsioni”.

Non possiamo non rilevare la falsità delle dichiarazioni dei sindacalisti intervistati dai mass media in merito al non regolare pagamento degli stipendi. In particolare, ATM Spa è l’unica azienda in Italia a pagare il premio annuale di risultato addirittura in anticipo mediante acconto mensile “vuoto per pieno”; nonostante questo i sindacati si lamentano se ad alcuni dipendenti vengono effettuate delle dovute ritenute per non avere lavorato e, quindi, non avere raggiunto alcun risultato. Ma questo sistema di corresponsione del premio di risultato, - i sindacati non lo dicono - lo hanno voluto proprio loro, nonostante i ripetuti avvertimenti da parte aziendale che così si sarebbero determinati forti recuperi alla chiusura dei periodi di osservazione. Così come fanno finta di aver dimenticato che ATM ha erogato nel corso di quest’anno altri due premi una tantum per un importo massimo di 500 euro.

I sindacati, non avendo di meglio da fare, inventano un mondo tutto loro, probabilmente nostalgici dei bei tempi andati che portarono allo sfacelo della vecchia azienda, con la loro connivenza.

“Allora glielo daremo noi un lavoro su cui cimentarsi – conclude l’Azienda – visto che l’accordo di secondo livello sul premio di risultato non piace ai signori sindacalisti ed è fonte di contestazione per loro miopia, l’azienda provvederà ad avanzare le necessarie proposte di modifica come previsto dallo stesso accordo, iniziando con l’eliminarne l’acconto mensile, così come avviene.  nelle altre aziende del settore.”

La contro replica sindacale

Alla luce delle dichiarazioni mendaci, offensive e minacciose giunte al termine della protesta democratica di centinaia di lavoratori Atm da parte dei vertici aziendali i segretari generali di Filt Cgil Carmelo Garufi , Uiltrasporti Messina Michele Barresi , Ugl Confederale Messina Antonino Sciotto , Faisa Cisal segr regionale Letterio Sturiale e il Segr Orsa Nazionale Mariano Massaro, chiedono formalmente al signor sindaco di Messina Federico Basile , socio unico di Atm Spa il commissariamento urgente del Presidente e del Cda di Atm Spa ed un urgente incontro per riportare sui binari della correttezza il confronto aziendale ed evitare il ripetersi ad oltranza delle proteste che gioco forza penalizzano l’utenza cittadina .

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook