Lunedì, 09 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

«Che fai, mi segui?», quel video profetico nel “diario” di Alessandra

Lei dice tra le lacrime «Che fai, mi segui?». Lui la guarda con disprezzo e urla «E allora!». Dieci secondi, non di più, dura il video che Alessandra Musarra aveva postato sulla sua pagina Facebook, esattamente alle 21.42 del 6 marzo.

A commento quelle frasi già citate in questi giorni, e acquisite anche dagli investigatori nel tentativo di ricomporre il quadro di quanto avvenuto tra il pomeriggio del 6 e la mattina del 7, il momento della tragica scoperta del corpo senza vita di Ale:

«Bravissimi gli attori ogni anno in vista della festa della Donna. Ci sono sempre nuovi temi di violenze sulle donne perché sono in mille modi... E “Un posto al sole” le racconta tutte. Grandiosi». “Che fai, mi segui?”, e quel pianto di paura, oggi fanno venire i brividi.

La mamma attonita, senza parole, guardata a vista dal marito e dai figli. Il papà disperato. Il fratello furente di rabbia. La sorella che non riesce proprio a farsene a una ragione, perché la vita senza Alessandra oggi sembra una notte buia senza fine. Ma forse no, il nero non è il colore giusto, ed ecco che sulla pagina di Carmen compare lo sfondo rosa con un il segno di letto, bianco, non nero. Perché la vita di Ale è stata sì strappata, ma nessuno può portarla via dal cuore dei suoi familiari e di chi le ha davvero voluto bene.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook