Domenica, 27 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Società

Home Foto Società Le ricette della tradizione, la 'Nfugliulata della signora Liboria da Castel di Lucio

Le ricette della tradizione, la 'Nfugliulata della signora Liboria da Castel di Lucio

di

La signora Liboria è castelluccese da migliaia di generazioni. Una di quelle donne gigantesche che tengono in piedi le famiglie a colpi di passione. Sarà lei ad accompagnarci in questo viaggio tra gli antichi sapori di una volta, attraverso le storie che la cucina sa raccontare.

Per la prima tappa messinese della nostra rubrica estiva "Le ricette della tradizione - in cucina con Gazzetta", un piatto semplice: la 'nfugliulata. Il nome viene dalla forma, che ricorda un foglio (appunto) da piegare e ripiegare su se stesso più volte fino ad accartocciarlo. Un'idea di quelle povere, rubate alla tradizione contadina di un tempo, quando si partiva presto al mattino per il duro lavoro della campagna e ad ora di pranzo servivano tutte le energie e i nutrienti necessari a portare a casa la giornata. Il sapore è merito della sostanza. Uova, formaggio, pan grattato, olio e... l'ingrediente segreto: il profumo. La menta, tocco finale di questa ricetta, Liboria la raccoglie direttamente dal suo balcone, tutti i prodotti che usa sono suoi "vicini di casa".

Ma c'è una variante. L'uovo, si sa, consumato freddo può risultare "difficile". Allora ecco l'ingegno. Una "sausa d'acito" (salsa d'aceto, una volta di vino "passato") e una ripassata in padella e il gioco è fatto. Non rimane che metterlo in un contenitore (che oggi magari è di plastica, ma fino a qualche decennio fa si ricavava dalle corna del bestiame e poi si riponeva in sacche di iuta che erano il bagaglio a mano di ogni contadino), accompagnarlo con del pane e consumarlo a casa, in ufficio (o in spiaggia, perchè no!).

La ricetta della 'nfugliulata

Ingredienti per 4 persone

4 uova

100 grammi di pecorino stagionato grattugiato

50 grammi di pan grattato

olio e sale q.b.

qualche fogliolina di menta

aceto di vino (bianco o rosso)

uno spicchio d'aglio

Preparazione

Sbattere le uova in una terrina e incorporare prima il formaggio e successivamente il pan grattato. Aggiustare di sale (il giusto, il pecorino ha già la propria sapidità) e la menta tritata grossolanamente. Intanto ricoprire d'olio il fondo di una padella antiaderente e portarlo a temperatura. Appena comincia a "spinguliare", versare il composto facendo in modo che lo spessore risulti uniforme. Nel momento in cui l'uovo appare rosolato procedere con le pieghe, fino a che ogni parte sia cotta al punto giusto.

Per la "sausa d'acito", far rosolare uno spicchio d'aglio nella stessa padella, quindi aggiungere aceto di vino (bianco o rosso) e sfumare. Infine immergere la nfugliulata precedentemente preparata per qualche secondo a fiamma alta, giusto il tempo che ne assorba l'aroma.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook