Domenica, 18 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Foto Società Vincenzo, il rapper di Messina che racconta il dramma delle migrazioni

Vincenzo, il rapper di Messina che racconta il dramma delle migrazioni

di

Il ritmo alternato tra le strofe rap che raccontano la durezza della realtà e la dolce melodia del ritornello di pace e libertà ricorda quell’incessante movimento delle onde del mare che raggiungono la terra e poi tornano indietro. Ora trascinando, ora cullando. È l’eterno movimento delle onde attraverso le quali centinaia di persone cercano una speranza, trovando talvolta la morte. Affronta con toni anche forti il delicatissimo tema dell’immigrazione il singolo di Vincenzo Citto dal titolo “Lokah Samastah”, realizzato in collaborazione con il rapper Moskella e la cantante Agnese Carrubba con la produzione musicale di J Wolf recording Studio. Gli autori si immedesimano nelle storie di alcuni migranti raccontandone speranze e paure. Narrano la spinta verso la libertà, ma anche il pregiudizio e il razzismo in un canto libero che è anche denuncia politica. Filo conduttore della canzone è il mantra “lokah samastah sukhino bhavantu”, il cui significato è “Possano tutte le creature dell’universo essere libere e felici”, ritornello della canzone.

"La prima volta che ho sentito questo mantra – spiega Citto, insegnante di yoga molto noto a Messina e cantante rap con il nome d’arte Vinayaka - fu durante una lezione di yoga alla quale partecipai come allievo, l’insegnante lo diffuse tramite una traccia audio, immediatamente quella vibrazione mi aprì il cuore e mi emozionò fino a farmi piangere. Da allora non ho mai smesso di utilizzarlo anche quando insegno nelle mie classi, ed invito i miei studenti a concentrarsi sul significato e a sentirlo col cuore, così da trasmettere queste parole e questi pensieri ad ogni essere vivente che soffre e sogna di essere libero".

Una canzone dall’importante scopo sociale che punta anche a fare qualcosa di concreto. Gli autori, infatti, tramite il brano “Lokah Samastah”, presente su YouTube e Spotify, «invitano chiunque entri in risonanza con il messaggio ad effettuare una donazione a sostegno della scolarizzazione dei bambini del villaggio di Bissiri, in Burkina Faso, tramite l’Organizzazione Umanitaria Internzazionale AMURT inserendo come causale: “Lokah Samastah Scolarizzazione Bissiri Burkina Faso” (link: https://www.amurt.it/dona-ora/)».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook