Mercoledì, 21 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo

Antillo Folk Fest, musica popolare nel Messinese: il via con i cantori di Galati Mamertino

Con i tradizionali canti dell'Aia intonati dal cantori di Galati Mamertino guidati da Antonio Smiriglia, l'ambasciatore della musica popolare dei Nebrodi, si è aperto l'Antillo Folk Fest, la tre giorni dedicata alla musica popolare organizzata dall'amministrazione comunale di Antillo, guidata dal sindaco Davide Paratore, e diretta artisticamente da Mario Incudine, il poliedrico artista ennese (cantautore, attore e regista oltre che apprezzato direttore artistico di eventi e teatri), che intende promuove e valorizzare la cultura popolare in tutte le sue forme d’arte, con particolare riferimento ai canti e alle musiche tradizionali, mescolando tradizione e innovazione.

Numeroso il pubblico che ha assistito all'antico rito della trebbiatura e che ha visto all'opera contadini e veri buoi, impegnati per tutta la mattinata in questa antica tra-dizione rurale ancora viva ad Antillo, piccolo comune della Valle d'Agrò che sta puntando sulle sue radici storiche per costruire il futuro del paese, coltivando l'ambizione di far diventare il suo territorio e i comuni del comprensorio jonico, una delle tappe irrinunciabili dei nuovi percorsi turistici.

Il programma di oggi dell'Antillo Folk Fest prenderà il via con la seconda parte del master condotto da Kaballà e Antonio Vasta e proseguirà alle 18 al Centro di Aggregazione sociale con la Tavola rotonda “Canti popolari della Valle d'Agrò” a cura l'etnomusicologo dell'Università di Palermo Sergio Bonanzinga e di Grazia Magazzù, dottore di ricerca in etnomusicologia.

A seguire sarà presentato il libro “Canti popolari della Valle d'Agrò” dello scrittore e maestro elementare antillese Concetto Lo Schiavo, già autore di “Civiltà contadina. Dialetto, tradizioni, tecniche di lavoro”, con Mario Bolognari, docente dell'Università degli studi di Messina, Antonio Smiriglia cantore e studioso di canti popolari della pisatura e l'editore Armando Siciliano, modera il docente universitario Filippo Grasso.

Contemporaneamente in via Roma sarà inaugurata la mostra mercato dei prodotti enogastronomici e artigianali locali, che resterà allestita fino a tutta la giornata di domani.

Alle 21 in piazza Maria Santissima Della Provvidenza spazio alla musica con l'avvio del contest del primo Antillo Folk Fest.

Nel corso della serata condotta dal giornalista Salvo La Rosa, si esibiranno gli otto concorrenti che hanno superato la prima selezione. Si tratta di Ciccio Cucinotta (di Santa Teresa di Riva), Giampiero Amato (di Calatafimi Segesta), Passione Sud (di Roccalumera), Cicciuzzi (di Gangi), Fataciumi (di Petralia Soprana), Malarazza 100% Terrone (formazione agrigentina), Debora Ferrero (di Antillo) e Alessandro Capurro, in arte Novo (di Messina).

Ogni concorrente eseguirà due brani. Al termine della serata la giuria tecnica presieduta dall'autore e produttore discografico Kaballà e composta dal musicista, autore, arrangiatore e musicologo Antonio Vasta, dal musicista, arrangiatore e musicologo Antonio Putzu, dall'etnomusicologo Sergio Bonanzinga, dall'etnomusicologo Grazia Magazzù, dal cantore e musicista Antonio Smiriglia dal giornalista e critico musicale Gianluca Santisi e il docente universitario Fi-lippo Grasso, proclameranno il vincitore del concorso.

Il primo classificato vincerà la produzione di un video-clip professionale e la produzione artistica e la registrazione di un brano inedito, inoltre avrà il privilegio di aprire il concerto della serata finale - domani - che vedrà insieme sul palco Mario Incudine, Peppe Servillo ed Eugenio Bennato.

Nel corso della serata la giuria assegnerà anche alcuni premi speciali: miglior testo, migliore musica, miglior performance live e premio della critica.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook