Domenica, 04 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura Premio Internazionale “Giovan Battista Calapai e Theodora van Mierlo Benedetti”, i premiati a Taormina

Premio Internazionale “Giovan Battista Calapai e Theodora van Mierlo Benedetti”, i premiati a Taormina

Si è svolta sabato 3 settembre 2022, nella splendida cornice del Palazzo Duchi di Santo Stefano a Taormina, la cerimonia di premiazione della prima edizione del Premio Internazionale “Giovan Battista Calapai e Theodora van Mierlo Benedetti”, dedicato alla valorizzazione di artisti under 35 e promosso da A-HEAD Project di Angelo Azzurro ONLUS, fortemente voluto dal suo curatore Piero Gagliardi e presieduta dalla dottoressa Stefania Calapai.

La cerimonia, moderata dal giornalista Alessio Morganti, ha visto l’intervento della dottoressa Roberta Melasecca che ha coordinato la Giuria per la selezione delle due artiste vincitrici, e successivamente l’intervento della dottoressa Stefania Calapai che ha anticipato la seconda Edizione del Premio alla quale si lavora già con grande intensità. Il “Premio Giovan Battista Calapai”, avente valore netto di mille euro comprensivo di una pubblicazione A-HEAD Edizioni, è stato assegnato a Camilla Gurgone, giovane promessa dell’arte di origine toscana ma residente a Milano. La “Menzione Speciale Theodora van Mierlo Benedetti”, del valore netto di 500 euro e comprensiva di una pubblicazione A-HEAD Edizioni, è stata assegnata a Gisella Chaudry residente a Torino dove opera, ma di origini in parte pakistane e in parte siciliane.

Ad entrambe le artiste la Onlus Angelo Azzurro ha voluto consegnare due opere della serie “White Flower” dell’artista Luca Guatelli. Infine ha accompagnato la cerimonia una degustazione di pregiati vini dell’azienda laziale Casale del Giglio. Il Premio Internazionale è dedicato alla memoria di Giovan Battista Calapai e Theodora van Mierlo Benedetti, due figure centrali che hanno contribuito in modo determinante alla connessione tra la Angelo Azzurro - costituita nel 2008 dalla presidente e psichiatra Stefania Calapai, sempre attiva nella lotta contro lo stigma dei disturbi mentali - e il settore dell’arte, con la nascita nel 2017 del progetto A-HEAD per volere delle famiglie Calapai e Lo Giudice in collaborazione con artisti e dj di respiro internazionale, artefici dei vari laboratori che da anni la Onlus svolge accanto alle attività di psicoterapia più tradizionali. Con A-HEAD la cultura diviene un motore generatore di sanità perché i ricavati sono devoluti a favore di progetti riabilitativi della Onlus Angelo Azzurro, legati alla creatività, fondamentale per lo sviluppo di una sana interiorità. Lo scopo globale del progetto è quello di aiutare i giovani che hanno attraversato un periodo di difficoltà a reintegrarsi pienamente nella società, attraverso lo sviluppo di nuove capacità lavorative e creative.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook