Sabato, 26 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura Villafranca, grande partecipazione per i "Cannoli di Marites": storie di donne, amori e passioni

Villafranca, grande partecipazione per i "Cannoli di Marites": storie di donne, amori e passioni

di

Siciliana doc, legata in maniera viscerale alla sua terra, alla famiglia, alle tradizioni e alla fede, Catena Fiorello Galeano ha affascinato il pubblico di Villafranca, dove ieri, al castello di Bauso, ha presentato il suo ultimo libro "I cannoli di Marites". La sua energia e la dirompente ironia hanno travolto i presenti, subito con una diretta video che Catena ha pubblicato sui suoi canali social. A fare gli onori di casa il sindaco Giuseppe Cavallaro, gli assessori Nino Costa, Barbara Di Salvo e Gianfranca Alessi, il presidente della Pro loco Antonio Geraci, la presidente distrettuale Fidapa sezione di Venetico Rosalba Rantuccio, la vicepresidente distrettuale Letizia Bonanno, i ragazzi del Centro di aggregazione giovanile e la prof Elisabetta Palmieri.

L'incontro, moderato dalla giornalista Letizia Lucca, ha assunto una formula confidenziale, sentita e partecipata. Diretta, realistica e riflessiva, la scrittrice, autrice e conduttrice televisiva siciliana non smette mai di meravigliarsi di fronte ai suggestivi panorami che la Sicilia offre, come fosse una cartolina dal vivo impressa sempre nella mente e nel cuore. E proprio qui, in virtù di questa bellezza fatta di tradizioni culturali, enogastronomiche e paesaggistiche, che si inquadra il turismo cinematografico, una chance importante sulla quale Catena Fiorello punta molto. L'Isola, quindi, nella sua accezione nobile come paesaggio di montagna con i suoi luoghi rappresentativi e unici. Dove non c'è bisogno di parlare di inclusione, perché la Sicilia è sempre stata inclusiva e accogliente. Si è poi soffermata sul valore della ricerca "pulita" del lavoro.

"Un'alternativa onesta noi siciliani la possiamo sempre trovare", ha detto. Non sono mancati i riferimenti ai valori della famiglia in cui è cresciuta. "Mio padre diceva sempre che bisogna lasciare il profumo", che si traduce in essenza spirituale, espressione dell'esistenza terrena. Il libro "I cannoli di Marites" racconta una storia di donne, imprenditoria, amicizia e solidarietà. È la storia di cinque donne dove per ognuna si intrecciano vite, amori e passioni. Donne intraprendenti, orgogliose e coraggiose. Nel volume anche poesia, cucina, letteratura vissuta e partecipata. La manifestazione è stata organizzata dalla Pro loco di Villafranca, con la compartecipazione della Fidapa di Venetico e la collaborazione dell’agenzia Demea. Catena Fiorello Galeano, prima di raggiungere il castello di Bauso, ha visitato gli ospiti della comunità di "Casa Sollievo" di Olivarella, a San Filippo del Mela. Per lei, quindi, una giornata ricca di emozioni, che ha superato ogni aspettativa.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook