Domenica, 14 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura Gole dell’Alcantara, in scena “Troiane” e “Un altro Prometeo” del regista palermitano Cannova

Gole dell’Alcantara, in scena “Troiane” e “Un altro Prometeo” del regista palermitano Cannova

Due storie che riemergono da un passato ormai remoto, che affondano le loro radici nella mitologia e nella tragedia greca, ma che parlano allo spettatore contemporaneo con evidenti richiami alla tragicità delle vicende attuali. Sono la guerra e i suoi effetti i temi che accomunano “Troiane” e “Un altro Prometeo”, i due spettacoli scritti e diretti da Salvatore Cannova che andranno in scena quest’anno, rispettivamente a partire dal 14 e dal 15 luglio, nel suggestivo scenario del Parco botanico e geologico Gole Alcantara in occasione della manifestazione “Alcantara in scena”.

Ispirato alla tragedia di Euripide, “Troiane” ripercorre le vicende delle donne di Troia a seguito della vittoria dei Greci, guardando alla guerra dal punto di vista dei vinti ed enfatizzando, quindi, la forza d’animo di chi accetta un destino già scritto. Dopo aver debuttato nel 2019 al Teatro Antico di Segesta, lo spettacolo torna in scena con un nuovo cast e con una nuova forma riadattata dal regista palermitano per il suggestivo e incantevole scenario della Spiaggetta delle Gole, dove verrà replicato fino al 4 settembre. In scena all’Anfiteatro delle Muse dal 15 luglio al 3 settembre, “Un altro Prometeo” unisce invece due nuclei narrativi, quello del mito del più ribelle dei titani e della vita scissa tra illusione e realtà del principe Sigismondo, il protagonista del capolavoro di Pedro Calderón de La Barca, “La vita è sogno”.

Dal connubio che ne scaturisce Salvatore Cannova ha tratto una storia nuova, che interroga ancora gli spettatori su ciò che accade dopo la fine di una guerra, ma questa volta riflettendo sul ruolo dei vincitori. Diplomato alla Scuola dei Mestieri dello Spettacolo del Teatro Biondo di Palermo, nel 2019 Salvatore Cannova, classe 1993, fonda la compagnia Fenice Teatri e debutta come autore e regista con “Giacomina”. Nello stesso anno ottiene la Menzione al merito al V Premio Internazionale Salvatore Quasimodo proprio con “Troiane”, oltre che con “L’uomo, la selva, la morte”. “Scomodare il mito e la tragedia oggi è sinonimo di una natura, quella dell’essere umano, che non accenna a cambiare. Troiane e Un altro Prometeo sono due storie molto diverse, ma che dialogano tra loro”, ha dichiarato il regista. “Sono legate dalla tragicità dell’evento bellico e vogliono far riflettere, in modo leggero e ironico, sulla consapevolezza di una contemporaneità che si sente impotente ma in dovere di agire.”

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook