Venerdì, 02 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura Messina, la storia della città raccontata dai reperti

Messina, la storia della città raccontata dai reperti

di

Dopo l’esposizione curata dalla Soprintendenza dei beni culturali e ambientali di Messina, all’interno del progetto di mostra diffusa “Come l’Araba Fenice: Messina e il Laboratorio della Rinascita” - Opere, Immagini, Carteggi e Progetti di Messina tra passato, presente e futuro, l’ex chiesa del Buon Pastore torna ad essere uno spazio espositivo con due mostre permanenti delle collezioni dell’istituzione. La chiesa infatti è da anni di pubblica fruizione, sede di rappresentanza e luogo destinata ad incontri culturali.
Nel 2012-2013, l’architetta Mirella Vinci, attuale soprintendente, aveva seguito il progetto di riordino dell’Archivio storico e di recupero di quello che fino ad allora era solo un deposito di reperti archeologici di tutti gli scavi di Messina, che diventava spazio allestito con vetrine, teche, pannelli e due diverse mostre, una archeologica e una storico-artistica. Nel marzo 2016, durante le giornate del Fai si ricorda la chiesa aperta, mentre era soprintendente Rocco Scimone, quando furono presentati il volume dell’Archivio storico curato dalla Vinci e le due mostre curate dalle dottoresse Gabriella Tigano e Grazia Musolino.
L’Istituto del Buon Pastore è oggi sede della Soprintendenza ma, come riportano documenti tratti dall’Archivio storico dell’Ufficio tecnico arcivescovile, è stato un istituto di beneficenza a favore di giovani donne in difficoltà.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook