Lunedì, 29 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura "A modo mio", lo show di De Luca tra messaggi di solidarietà e valorizzazione dei giovani talenti

"A modo mio", lo show di De Luca tra messaggi di solidarietà e valorizzazione dei giovani talenti

di

La musica in primo piano per veicolare messaggi di solidarietà e puntare sul talento di giovani musicisti e cantanti alla ricerca di adeguati spazi di espressione, nello spettacolo “A modo mio”, che ieri sera all’Arena Villa Dante ha chiuso gli appuntamenti estivi di “Messina Restarts”, offrendo al pubblico messinese performance musicali e canore inedite, e battezzando una nuova modalità di approccio allo spettacolo dal vivo, di cui si è reso messaggero il sindaco Cateno De Luca, in una inedita veste di cantautore. Testimone d’eccezione dell’associazione “La casa del musicista”, promotrice dell’evento con l’Amministrazione Comunale, il primo cittadino ha tenuto il filo di una lunga serata di spettacolo (che ha sforato le tre ore e sfidato la pioggia), il cui ricavato è stato devoluto al progetto omonimo della onlus cittadina, e, in parte, alla mensa dei poveri di Sant’Antonio e al Conservatorio Corelli. Al suo esordio cantautorale con la band “I Peter Pan”, De Luca ha scandito il ritmo degli interventi dei numerosi ospiti intervallandoli con i pezzi del suo album “Stati d’animo” (anch’esso devoluto a “La casa del musicista”). In apertura di serata, presentata dalla giornalista Valeria Brancato, le note dell’Inno di Mameli eseguito dalla banda musicale della Brigata Meccanizzata Aosta, vera eccellenza cittadina, che si è cimentata col sindaco al clarinetto nei brani cult “What a wonderful world” (Louis Armstrong) e “My way” (Frank Sinatra). Dopo un divertente intermezzo sull’attualità all’insegna dell’ironia col cabarettista Denny Napoli - che il sindaco ha affiancato nel videoclip della sua “Beddasso” - ancora grande musica con la Corelli Brass Ensemble diretta dal Maestro Emanuele Celona, che ha eseguito alcuni brani dalla colonna sonora della saga cinematografica “Pirati dei Caraibi” (Klaus Badelt) e, sempre con De Luca, “Rapsodia in blu” di Gershwin e “Il volo del calabrone” di Rimskij-Korsakov. Il sindaco ha affiancato in scena anche il clarinettista Antonino Linci Gugliotta (docente del Corelli) e la pianista Maria Gennaro in “Csàrdàs” , la più celebre composizione di Vittorio Monti. Momento clou della serata la presentazione di “Stati d’animo”, album dal taglio intimista, con racconti di vita emblematici di sfide sociali ancora irrisolte: brani pervasi da uno spirito di rivolta contro il pregiudizio e la diversità, ed eseguiti dal primo cittadino con la sua band. In particolare, l’autobiografica “A modo mio”, positivo bilancio di vita; “Baracche messinesi”, sulle morti per amianto nelle barracopoli cittadine; un attacco all’omofobia e al pregiudizio in “Diverso”; la commovente dedica alle madri di “Mamma all’infinito” e la delicata “Pelù”, storia di un portatore di handicap, oltre a un fuori programma in musica dedicato alla moglie Giusy Gregorio per i ventun’anni di matrimonio. Spettacolo nello spettacolo, con Red Ronnie e Teresa Impollonia, Presidente di Radio Zenith, che hanno presentato sul palco dell’Arena due giovani cantautori messinesi selezionati nel pomeriggio di sabato dal conduttore emiliano assieme alla storica emittente peloritana, nei locali della radio all’Istituto Cristo Re. Si tratta di Gesuè Pagano che ha eseguito l’intimista “Messina occhi blu” e Simona Oliveri, alla sua prima esibizione dal vivo, con l’ironica “Scheletri”. Altrettanto giovani e talentuosi la cantautrice Cristina Bringheli, concorrente al “Cantagiro”, con la sua “Tutto nel silenzio” e il fisarmonicista Antonino De Luca, che ha proposto un medley con “Domenica Bestiale” (Concato), “Senza fine” (Paoli) e “E penso a te” (Battisti), prima di duettare con lo zio Cateno al clarinetto nel capolavoro di Astor Piazzolla “Libertango”. Chiusura in bellezza col gruppo di musica tradizionale siciliana Unavantaluna e il ritorno sul palco del Sindaco coi Peter Pan, per un’altra sequenza di pezzi conclusa col bis di “A modo mio”. Oltre che da Denny Napoli, la serata è stata allietata dalla comicità della “strana coppia” Salvo La Rosa-Enrico Guarneri, in uno strepitoso duetto ironico, seguita dal cabarettista Carlo Kaneba, che ha proposto il brano in dialetto “Sicilia”, accorata dedicata alla nostra Regione. “A modo mio” è stata trasmessa in diretta tv su Rtp e Tgs e in streaming sulla pagina Facebook de “La casa del musicista”.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook