Sabato, 31 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura Gina Lollobrigida ospite a Messina: "Sono felice di essere tornata"

Gina Lollobrigida ospite a Messina: "Sono felice di essere tornata"

di

Vittorio De Sica la definì una “maggiorata fisica”, ma Gina Lollobrigida è fragile, oggi come allora. Quando a 28 anni sul balcone dell’Irrera a mare la brezza dello Stretto le dava fastidio, forse perché il vestito bianco di organza era troppo leggero, e con una movenza faceva “fermare gli orologi”.

«Ma non è forse la donna più bella del mondo?», dice il giornalista e scrittore Geri Villaroel ammirandola ancora una volta sul palco di una rassegna culturale, dove un numero spropositato di uomini della sicurezza la proteggono creando una “cortina di ferro” difficile da scavalcare.

«La fragilità è la stessa», dice ancora Villaroel. E forse lo è. Oggi a 93 anni, però splende in un vestito nero ricamato d’oro. Al Teatro Vittorio Emanuele all’aperto, è in corso la rassegna estiva che prevede subito dopo il concerto di Giovanni Mazzarino e Flavio Boltro.

A fare gli onori di casa il presidente dell’Ente Teatro Orazio Miloro, l’assessore alla cultura Enzo Caruso in rappresentanza del sindaco e Geri Villaroel, giornalista e memoria storica della città.

Fu proprio Villaroel che la intervistò per la prima volta a Messina durante la rassegna cinematografica degli anni ’50, a cui la Lollobrigida partecipò. E la diva dice: «Sono felice di essere tornata. Vi ringrazio per avermi invitato. Questa è un’occasione per vedere la Sicilia, il vostro regno, dove c’è molta ospitalità e spero di tornarci ancora».

La sua è solo una breve apparizione organizzata durante il suo soggiorno estivo in Sicilia, ma tanto basta per ricordare che gli anni ’50 furono d’oro e produssero talenti intramontabili. Villaroel racconta un aneddoto molto divertente: «Eravamo all’Irrera a mare e c’era un battibecco con la Loren su Moravia. Io intervenni e la presi in disparte per intervistarlka» - fu una cosa unica, ricorda Villaroel - perche la Lollobrigida aveva la sensibilità culturale per parlare di Moravia».

Il saluto a Messina lo dedica a Gina jr., la bimba di Andrea Pizzolla, suo collaboratore, che tanto ha fatto parlare di sé. Il presidente del Teatro Miloro la invita così l’anno prossimo, per inaugurare la prossima stagione estiva. E speriamo Gina Lollobrigida torni più bella che mai nella nostra città.

© Riproduzione riservata

TAG:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook