Domenica, 29 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Spadafora, 50 cani in un terrazzo da otto anni. Condominio in "rivolta", si cerca un'alternativa

Spadafora, 50 cani in un terrazzo da otto anni. Condominio in "rivolta", si cerca un'alternativa

di

Una storia, diventata un vero e proprio caso finito nel mirino mediatico nazionale, quella che vede protagonisti 50 cani "residenti" in un terrazzo condominiale a Spadafora. A ospitarli, già da otto anni circa, è la signora Maria Coiro che ha scongiurato un finale crudele per i tanti trovatelli. Un gesto che certamente nasce dall'amore smisurato di Maria nei confronti degli animali, con l'intento di proteggerli e sottrarli a un destino già segnato. È lei, infatti, che li cura, li sfama, li pulisce, offrendo loro anche delle brandine con materassi e coperte su cui dormire e riposare all'interno di uno dei suoi appartamenti. I 50 cani sono trattati bene, come del resto dovrebbe essere naturale per chiunque li possieda. La signora Coiro, pur di garantire gli alimenti ai suoi amati amici a quattro zampe, vende oggettistica e suppellettili al mercatino dell'usato per racimolare delle economie.

Se da una parte, però, questa singolare storia è frutto di un atto di immensa generosità, dall'altra lascia in eredità conseguenze difficili da gestire: i 50 "ospiti" creano disagi non indifferenti, sia per l'abbaio che per questioni igienico-sanitarie (specie nella stagione estiva) e perché, di certo, un terrazzo non può essere la dimora di così tanti cani. È per questo che da anni, i condomini continuano a protestare, avendo tutte le loro sacrosante ragioni e in atto ci sono anche delle cause. Quel che risulta urgente è quindi trovare una soluzione per tutti, affinché in primis si ristabilisca la pace nella palazzina, definita dai tanti come "la casa abusiva dei cani". In questi anni, a tendere la mano a Maria, oltre ad alcuni amici, è l'ingegnere Nino Barberi, cittadino di Spadafora, che spesso fornisce del cibo per sfamare gli animali e dei materiali rinvenuti da destinare al mercatino dell'usato, sempre per racimolare denaro per il loro mantenimento. Oggi, Barberi lancia un messaggio alla comunità e a tutto il comprensorio in modo che attraverso una raccolta fondi si possa acquistare un terreno dove poter ospitare i cani, che potrebbero così vivere in condizioni certamente migliori, "liberando" l'immobile e restituendo la pace ai condomini fortemente esasperati. "Propongo una raccolta fondi per aiutare Maria Coiro a comprare un terreno dove realizzare uno stallo per i cani, che lei stessa ha tolto dalla strada", scrive Barberi. Anche l'amministrazione comunale di Spadafora si è detta disponibile a trovare una soluzione, che però ancora oggi non c'è.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook