Lunedì, 27 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca A Messina la fiaccolata per la pace: in 200 pregano per l'Ucraina

A Messina la fiaccolata per la pace: in 200 pregano per l'Ucraina

In cammino verso la pace: una meta comune illuminata dalla luce della speranza. Quasi 200 volontari delle associazioni di Protezione Civile del Comune di Messina (A.C.C.I.R., ANC sez. Messina, ARP, Castel Gonzaga, Comunità Masci, Guardia Costiera Volontaria, Legambiente dei Peloritani, Misericordia Messina, Nettuno Rescue, Nova Militia Christi, Nucleo Diocesano) hanno partecipato alla fiaccolata per la pace in Ucraina. Assieme a loro, religiose e religiosi, laici e scout, la comunità diocesana Migantes e cittadini comuni i quali, incuriositi da quel “corridoio di luce” si sono voluti unire al percorso che da Largo San Giacomo si è mosso fino a piazza Duomo.

Un cammino silenzioso, fra striscioni e fiaccole blu e gialle: a guidare la “carovana” della pace le piccole gemelle Simona e Giorgia, in cammino per tutti quei bambini ai quali la guerra sta togliendo il diritto di crescere, giocare e sorridere. “Debole come la luce di una candela al soffio del vento”: nella Bibbia la parola “pace” compare 353 volte, 89 volte più di “guerra”: sul sagrato della cattedrale l’assistente ecclesiastico regionale del Masci (Movimento adulti scout cattolici italiani) don Giuseppe Di Stefano ha chiesto ai presenti di “non cedere alla rassegnazione di rimanere vittime dei sistemi”; “il nostro - ha detto - è il passo di quanti lottano e pregano per la pace”. Al termine della fiaccolata i volontari hanno partecipato alla messa in Duomo presieduta dall’assistente ecclesiastico e volontario del Nucleo diocesano di Protezione Civile don Enzo Maestri e concelebrata dai confratelli don Giuseppe Di Stefano, padre Giovanni Pelleriti assistente della Misericordia e animata all’organo dal maestro Nazzareno De Benedetto con il tenore Davide Benigno e alcuni coristi della parrocchia Madonna delle Lacrime del villaggio Padre Annibale di Bordonaro.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook